Magazine Martedì 26 novembre 2002

Quando il cantautore va in libreria

Mercoledì 27 novembre, alle ore 17.30, presso Il Libraccio di piazza Rossetti, presentazione dei libri Trita provincia di Max Manfredi, , di Renato Biasizzo e Le parole di Giampiero Orselli per le fotografie di Gianni Ansaldi di Ansaldi-Orselli. Tutti i libri sono editi da . Saranno presenti gli autori, che saranno affiancati dal poeta Claudio Pozzani.
Sempre mercoledì, ma alle 21, al Teatro Modena, incontro con un altro cantautore, un po' meno nostrano. Roberto Vecchioni presenterà il cofanetto libro+videocassetta Parole e canzoni (Einaudi), a cura di Vincenzo Mollica. Interverrà Renato Tortarolo.


La tentazione, per un uomo che vive di parole e musica, è forte. Scrivere un romanzo è uno sbocco naturale. No, non basta togliere la musica: questo lo pensano gli sprovveduti. Per Max Manfredi, forse l’ultimo dei cantautori genovesi, scrivere un romanzo è questione annosa, anche faticosa. È il lavoro di vent’anni, al quale lavorare di cesello. Nasce così Trita provincia – novella discreta, edito da . Un romanzo strano, lontano dalle leggi di mercato. Un libro complesso, fatto di capitoli che si reggono da soli, che prosegue a balzelloni, un po’ a scossoni. Tutto sommato non conta la storia, ma la scrittura. E la musica. Perché sotto sotto la musica si sente, con le sue sincopi, con il ritmo tra le righe, con assonanze, consonanze, ossimori, rime.

Manfredi sembra guardare a una scrittura di tipo avanguardistico, di ricerca. Ben venga, in un panorama che tende a privilegiare gli scrittori usa e getta, le parole pic-indolor. Certo, non è un libro da leggere tutto di un sorso, anche se le dimensioni non sono certo ragguardevoli. Ogni pagina ti costringe a pensarci sopra, ti invita a una caccia al tesoro tra figure retoriche e preziosità stilistiche. Insomma, non si va tanto lontano dal Manfredi cantante raffinato e colto. Ma anche ironico, come no, che ama giocare e giocarsi con le parole, come un giocoliere un po’ antico, un cantastorie senza corte. In questo senso illuminante è la prefazione di Claudio Pozzani, che ha visto Max “all’ombra delle cattedrali delle grandi città del Medioevo”.
di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Lontano da qui Di Sara Colangelo Drammatico 2018 Lisa Spinelli è una maestra d'asilo con la passione per la poesia, tanto che i suoi figli ormai quasi adulti la trovano trasformata dalle lezioni che sta seguendo e il marito sente di essere un po' trascurato. Lisa non è di per sé... Guarda la scheda del film