Magazine Lunedì 25 novembre 2002

Clavis universalis

Magazine - In Clavis universalis. Arti della memoria e logica combinatoria da Lullo a Leibniz (Il Mulino, Bologna, 1983) Paolo Rossi scrive:

Le arti della memoria e la logica combinatoria appartengono, senza alcun dubbio, alla categoria dei fossili intellettuali. La combinatoria è definitivamente scomparsa nella seconda metà del Seicento, distrutta, e insieme trasfigurata, dal grande discorso di Leibniz. L’arte della memoria, “inventata” da Simonide di Ceo, va a confluire nelle enciclopedie, nelle classificazioni e nei metodi del secolo XVII e scompare quasi del tutto come tecnica separata. Come tale, sopravvive ancor oggi nelle pagine pubblicitarie di alcuni settimanali e dei romanzi gialli Mondadori ove ricompaiono (a volte con gli identici termini usati quattro o cinque secoli fa) le stesse mirabolanti promesse contenute nei testi quattro e cinquecenteschi di ars memorativa.

Nicla Vassallo (ricercatrice di Filosofia all'Università di Genova ed esperta di filosofia angloamericana. Ha recentemente curato, assieme a Franca D'Agostini, il volume , edito da Einaudi).

Vedi anche:
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo





e le interviste

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione