Magazine Venerdì 20 febbraio 2015

Franco Trentalance: «ho inventato il porno detective»

Franco Trentalance
© Alessandro Perugini

Magazine - Da pornodivo ad autore di romanzi, questa è la storia di Franco Trentalance, uno degli attori hard più noti a livello italiano e internazionale.
Dopo 18 anni di carriera, 440 film girati e 24 awards conquistati in Italia e all'estero, e a 5 anni dalla pubblicazione della sua autobiografia, Trentalance torna nelle librerie con Tre giorni di buio (Ultra, 2015, 288 pp, 16.50 Eu): un thriller dalle tinte forti scritto a quattro mani con il giornalista Gianluca Versace.

«Mi è sempre piaciuto scrivere», racconta Trentalance, «in pochi lo sanno ma ho tenuto una rubrica su Gq e una su una rivista online di tiro con l'arco: ho sempre cercato di fare delle mie passioni un lavoro e la scrittura rientra tra queste». È stato l'editore a proporgli di scrivere un nuovo libro: «mi ha dato carta bianca e io gli ho presentato la sinossi di questo thriller, pensando che mi mandasse a quel paese. Invece ha accettato, e così è nato Tre giorni di buio».

Alla stesura del romanzo ha partecipato anche il giornalista Gianluca Versace: «ci abbiamo messo 9 mesi a scriverlo Senza di lui ci avrei impiegato un anno e mezzo», ride. Tre giorni di buio è un racconto che si sviluppa su diversi piani, come illustra l'autore: «la storia ruota attorno a tre personaggi le cui avventure sono destinate a intrecciarsi. Tra di loro c'è anche Luca Graff, un pornodivo cinico e svogliato che si troverà, contro il suo volere, a dover investigare su determinati avvenimenti, diciamo che ho inventato il porno detective».

Un porno attore tra i protagonisti non può che far pensare a un personaggio autobiografico, ma Trentalance smentisce questa visione dell'adrenalinico Luca Graff: «non è la mia nemesi letteraria, molte delle scene che lo riguardano avvengono su set di film hard e quindi ho utilizzato la mia esperienza sul campo per dargli il massimo realismo. Ma non sono io: non sono cinico e spietato come lui».

Il libro, oltre all'azione e all'intrattenimento, ha una chiave di letture interessante che mira a sviscerare le varie facce del male: «è un romanzo crudo, dove a farla da protagonista sono i lati oscuri degli esseri umani: la vendetta, la vigliaccheria, il dolore e il rancore, raccontati attraverso i comportamenti dei personaggi della storia. Ho deciso di affrontare questi temi perché penso che siano insiti in ognuno di noi: ogni persona ha dei lati nascosti, ed è sempre bene conoscerli come si deve conoscere un nemico per riuscire a batterlo».

Insieme a Rocco Siffredi, Franco Trentalance è la massima espressione del porno made in Italy per quanto riguarda il lato maschile del set, anche se - come lui tiene a sottolineare - «il mondo del porno è cambiato, le produzioni si sono tutte spostate in America a causa di internet, quindi adesso faccio da guest star in qualche pellicola ma non c'è più tanto lavoro come prima».
Questa delocalizzazione del mondo hard comporta che Trentalance e Siffredi non avranno eredi italiani a cui lasciare lo scettro una volta abbandonati definitivamente i set a luci rosse. «Purtroppo è un lavoro che richiede allenamento proprio come accade in uno sport», spiega: «io sono diventato un porno divo grazie alla mia passione per il sesso ma prima ho dovuto dimostrare di saperci fare con la gavetta: questa possibilità oggi non c'è per le nuove leve».

Di donne Trentalance ne ha conosciute parecchie sul set ma quelle indimenticabili per lui sono state tre: «quelle con cui ho lavorato meglio sono state sicuramente Angela Dark, Nikita Von James e Mya Diamond, la donna col fisico più bello del mondo». E se lo dice Trentalance, come non credergli?

di Andrea Carozzi

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Risate di gioia Di Mario Monicelli Commedia Italia, 1960 Una notte di capodanno a Roma, Anna Magnani con uno spiumato boa di struzzo, Totò con il suo vecchio frac (e Ben Gazzara, compagno astuto nell’arte di arrangiarsi). Cercano compagnia, cercano d’infilarsi in tavolate che li rifiutano,... Guarda la scheda del film