Magazine Mercoledì 14 gennaio 2015

Quando tutto sarà finito. La banalità del male di Audrey Magee

© Vicki DeLoach / Flickr.com

Magazine - Nel suo primo libro, che la critica britannica ha definito un violento ma elegante viaggio verso l’inferno e ritorno, la giornalista irlandese Audrey Magee affronta, con una trama romanzata, un’accurata e sofferta ricostruzione di un evento storico molto controbattuto, la battaglia di Stalingrado.
Con un nuovo e diretto modo di raccontare - per intere pagine l’autrice usa solo il dialogo - e con straordinaria ma impietosa bravura ci presenta i suoi protagonisti: Peter e Katharina e gli altri personaggi del suo Quando tutto sarà finito (Bollati Boringhieri, 2015, 320 pp, 18 Eu), evitando di commentare i fatti, di descrivere luoghi ed eventi al di là del loro vissuto.

Nell'autunno del 1941, Peter Faber, un giovane soldato semplice tedesco, un maestro elementare nella vita, arriva a Berlino per conoscere sua moglie, Katharina Spiller che ha sposato in fotografia mentre era di servizio a Kiev, sul fronte Russo. Il loro è uno dei tanti matrimoni combinati sulla carta che garantisce a lui tre settimane di congedo per luna di miele e a lei, una ragazza sola in una città senza uomini, un marito e una pensione se non dovesse mai tornare dalla guerra.

Il primo incontro tra i due sposi non è facile. Peter che è arrivato direttamente dal fronte puzza, si è portato dietro lo sporco di settimane, è pieno di pidocchi, tanto che Katharina e i genitori sono disgustati. Ciò nonostante, inaspettatamente nasce prima tra loro complicità e poi amore tanto che, al momento della separazione, si scambiano promesse di fedeltà e di un futuro insieme. Il ricordo di quei giorni passati con Katharina, il figlio nato dal loro legame e il sogno di una vita con lei al ritorno in patria, saranno le sole cose che permetteranno a Peter di sopportare e superare la terribile marcia nella neve verso Stalingrado e la sanguinosa ultima battaglia con i compagni che cadono uno dopo l’altro intorno a lui, ripetendosi sempre: devi resistere fino a quando tutto sarà finito.

Anche Katharina, rimasta a Berlino, sogna un nuova vita con Peter e il loro bambino quando tutto sarà finito e soprattutto spera di poter sfuggire ai dictat del padre, convinto seguace della dottrina nazista. Peter e Katharina, continueranno fino alla fine a illudersi, a sperare e a scriversi promesse. Ma dopo la spaventosa tragedia della guerra non ci sarà pietà per i sopravvissuti e per i fragili sentimenti di una nazione inesorabilmente sconfitta.

Uno scarno percorso narrativo che solo di rado ci spiega quello che i suoi personaggi stanno pensando e si rivela un metodo molto efficace per trasmettere anche come la storia si nasconda spesso in aree di relativismo morale. E il padre di Katharina è il personaggio che più di tutti rappresenta una certa Germania di allora, quella della banalità del male, con la gente che riteneva legittimo impadronirsi delle case degli ebrei deportati, stanare i fuggiaschi, continuare a brindare alla vittoria e godere dei privilegi del regime anche quando la realtà annunciava la sconfitta.
Katharina vive bene, tranquilla, e frequenta senza rimorsi i membri del partito, mentre i suoi vecchi vicini muoiono di fame e Peter e i suoi uomini, torturano e uccidono gli abitanti dei poveri villaggi russi per aver cercato di nasconder loro il cibo.

Coinvolgente e ben scritto, Quando tutto sarà finito riesce a fare quello che solo i buoni romanzi storici sanno fare: riportare il passato al presente. La propaganda nazista era un sottile veleno che avvelenava tutti. Le voci fuori dal coro venivano implacabilmente schiacciate. Ma cosa pensava e sapeva in realtà la maggior parte dei tedeschi, e non necessariamente i più cattivi, mentre Hitler portava il nazismo a combattere contro il resto del mondo?

di Patrizia Debicke van der Noot

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Io non sono qui Di Todd Haynes Drammatico U.S.A., 2006 Il film racconta le vicende di sei personaggi, ognuno dei quali rappresenta un aspetto diverso della vita e della musica di Bob Dylan. Finora è l'unico film sulla sua biografia ad aver ottenuto l'approvazione dell'icona della cultura pop. Il film... Guarda la scheda del film