Weekend Magazine Lunedì 29 dicembre 2014

Viareggio: Capodanno 2015 nella città del Carnevale

di
© Kevin Dooley-kevin dooley/Flickr.com

Magazine - Viareggio accoglie il 2015 con una grande festa in piazza Burlamacco, nel cuore della Cittadella del Carnevale, là dove nascono i grandi colossi di cartapesta.
Una lunga notte di musica e spettacolo, organizzata dall’Osteria di Burlamacco con il patrocinio e la collaborazione della Fondazione Carnevale di Viareggio.

Il clou sarà lo show degli Abba Dream, una delle migliori cover band del gruppo svedese in circolazione. Due ore di concerto molto coinvolgente e divertente; le canzoni saranno eseguite interamente dal vivo da una band che supporta le due voci femminili e un coro. Ma non è solo la musica a fare grande uno spettacolo: numerosi cambi di abito e coreografie Abba-style fanno da contorno ai successi di una band che ha segnato la storia della musica pop. Service audio e luci a cura di Power sound. Gli Abba Dream sono un vero e proprio fenomeno con diecimila amici su Facebook e fan della band svedese che accorrono in teatro per rivivere le emozioni, attraverso canzoni indimenticabili. Il primo tour teatrale di Abba Dream ha registrato sold-out a Milano, Bologna, Firenze, Padova e le serate sono occasione di grande divertimento e spettacolo.

La notte di Capodanno inizierà alle ore 23.15. Sarà Daniele Maffei, voce ufficiale del Carnevale di Viareggio, ad aprire lo spettacolo e a presentare gli Abba Dream. All’una sarà il dj Andrea Paci ad accendere la prima notte del 2015.

Il biglietto di ingresso, con consumazione, è di 10 Euro, gratuito per i bambini under 13 anni. La prevendita presso la biglietteria della Fondazione Carnevale, l’Osteria di Burlamacco, Versilia Vacanze e on line o nei punti vendita.

Per informazioni: Fondazione Carnevale di Viareggio (0584 58071) o Osteria di Burlamacco (366 4855885, 0584 371281).

Oggi al cinema

Nostra Signora dei Turchi Di Carmelo Bene Drammatico Italia, 1968 Al protagonista, un intellettuale così febbricitante da sembrare patologicamente irrecuperabile, riaffiora un confuso ricordo di una strage compiuta dai turchi a Otranto. Immedesimandosi in una delle vittime, nell'inconscio proposito di sviscerare... Guarda la scheda del film