Magazine Martedì 9 dicembre 2014

«Sono gay, ma incontro solo repressi». La posta del cuore

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Salve... volevo condividere una cosa con lei e sapere cosa ne pensa.
Ho 32 anni e sono omosessuale. Ho sempre saputo di esserlo e non ho mai represso questa cosa ma ovviamente ho fatto fatica ad accettarla nel profondo.
Da 3 anni le cose sono cambiate e cioè da quando, dopo un grande dolore dovuto a una separazione, ho intrapreso un percorso terapeutico con un grande professionista che mi è servito moltissimo.

Ho affrontato tante cose che non avevano ovviamente solo a che fare con l'omosessualità ma anche con situazioni familiari difficili: una madre da sempre depressa e rapporti tra i genitori tremendi. Ho fatto tanti passi avanti in tutto, mi sono aperto e ho fatto tante esperienze nuove. Ho fatto coming out con tutte le persone importanti della mia vita ed è andato tutto alla grande.

Quello che non riesco a sbrogliare e che mi procura frustrazione è l'ambito sentimentale, nel quale ho 2 problemi di base che si ripetono sempre. Intanto una scissione tra sessualità e sentimento, nel senso che mi è capitato di avere intimità sessuale significativa con dei ragazzi e che mi è stata molto utile per scoprire la mia fisicità ma che però non è mai sbocciata dal punto di vista emotivo e sentimentale da entrambe le parti.

E poi la cosa piu importante è che mi è sempre capitato di innamorarmi di omosessuali repressi e addirittura sposati e ce ne sono tanti. Intuisco in maniera istintiva e istantenea quando un ragazzo è omosessuale e mi è capitato sempre in modi diversi di capire o sapere che quell'interesse e attrazione era corrisposto ma sempre da ragazzi fidanzati che alla fine non si accettano e si reprimono e di conseguenza quando le cose iniziano a farsi concrete scappano e addirittura sono ostili nei miei confronti.

Non riesco a uscire da questa situazione che è diventata un circolo vizioso. Vorrei sapere cosa ne pensate e confrontarmi con voi.
Grazie e scusi se sono stato prolisso.

Marco

Salve Marco,
fossero tutti prolissi come lei, il mio lavoro sarebbe più semplice. L'unica cosa che non mi ha detto è se ha concluso il percorso terapeutico, perché a me non pare concluso affatto. Se sì, le suggerirei di proseguire con un nuovo terapeuta -ho un forte penchant per gli junghiani, ormai lo sanno tutti- visto che quello precedente pare esaurito, ma i problemi no.
(Non sto dando giudizi, se dovessi darne uno, direi che l'esperienza è stata senz'altro positiva visti i risultati, tuttavia conosco persone che hanno avuto bisogno di più di un percorso per stabilizzarsi).

La premessa è necessaria, perché nella sua mail tira aria di identità ancora irrisolta e questo non è il mio campo. Non è difficle fiutare gli omosessuali repressi, ma aiutarli a rendersi conto rasenta l'impossibile.

Davvero non posso sostituirmi a una figura professionale, Marco, e il suo non è un problema di cuore, quindi invece di risposte le darò delle domande: perché non è mai riuscito a trovare un ragazzo single con cui avere una storia serena? Perché cerca uomini che non solo non ammettono di essere omosessuali, ma sono impegnati? (quindi la difficoltà e doppia.)

Deve trovare le risposte, con un aiuto competente. Io posso limitarmi a dirle di comandare al cuore -ché è possibile- e, appena incrocia un irrisolto, tagliare la corda. Se si precluderà la fuga nell'impossibile, forse riuscirà ad aprirsi al sentimento realistico.
Le auguro di uscire dall'impasse -ha già fatto tanta strada- e la saluto,

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Skyscraper Di Rawson Marshall Thurber Azione U.S.A., 2018 Will Ford, è un ex leader del Team di Recupero Ostaggi dell’FBI e veterano americano di guerra, che ora valuta la sicurezza dei grattacieli. Durante un lavoro in Cina trova il più alto e sicuro edificio del mondo improvvisamente in... Guarda la scheda del film