Magazine Venerdì 28 novembre 2014

A Erri De Luca il Premio per la Letteratura Europea

Erri De Luca
© litteratures-europeennes.com

Magazine - Lo scorso 22 novembre a Cognac, in Francia, il Premio per la Letteratura Europea 2014 è stato assegnato a Erri De Luca per l’insieme delle sue opere e, più in particolare, per Il torto del soldato. Un libro breve, ma forte, che offre «una profonda e lucida riflessione sulla memoria e la tragedia», spiega nelle motivazioni Gérard de Cortanze, presidente della giuria.

«Erri De Luca - continua de Cortanze - è il più grande scrittore italiano della sua generazione. Dal quartiere popolare di Napoli Montedidio all’azione politica rivoluzionaria, dai suoi soggiorni in Africa o nella ex-Iugoslavia, dove conduceva dei camion per i convogli umanitari, dal suo lavoro nei cantieri nella periferia di Parigi passando per la sua lettura quotidiana della Bibbia, l’ apprendimento dell’ebraico e la pratica intensa dell’alpinismo, è ben altro che uno scrittore prolifico in cui l’insieme della sua opera sembra animata da un soffio poetico potente. Se ama ricordare che la sua lingua materna è il napoletano, e che l’italiano è una lingua imparata, bisogna ricordare che parla correntemente il tedesco, il francese e lo yiddish. Erri De Luca è in un crocevia di mondi, in un crocevia di lingue. Rassembra. Riunisce. Invita a vedere, a pensare, a essere».

Lo scrittore napoletano è molto amato in Francia (ventitré i suoi libri tradotti in francese) e la sua presenza per l’assegnazione del premio a Cognac è stata accolta dal pubblico francese con grande entusiasmo e partecipazione, com’era già accaduto lo scorso aprile all’Escale du livre di Bordeaux.

Intervistato sul rapporto tra la scrittura e l’alpinismo, un’altra sua passione, risponde: «Scrivere è cercare di raggiungere qualcuno, mettersi in contatto con qualcuno. L’alpinismo è invece un atto di isolamento. Scrivere è sperare che, in un altro tempo, in un altro luogo, qualcuno raccolga quelle pagine».

Roberta Gregori (@robegregori)

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film