Concerti Magazine Martedì 5 novembre 2002

Omaggio a Goodman al Carlo Felice

Per una sera le poltrone del Teatro della Corte vi staranno strette. Succederà lunedì 11 novembre alle 20.30. L'occasione sarà la terza edizione del memorial Gianni Dagnino organizzato dal Louisiana Jazz Club.
Il motivo?
Semplice: vi verrà un'irrefrenabile voglia di dimenarvi con i ritmi swing di Bob Wilber, uno dei più grandi clarinettisti e sopranisti hot-jazz, Dan Barrett, trombonista eccezionale che ha partecipato più volte a sedute discografiche con Woody Allen e la cantante Rebecca Kilgore, considerata la nuova Peggy Lee.

Il fantastico terzetto, validamente affiancato da musicisti del calibro di Rossano Sportiello al piano, Stefano Bagnoli alla batteria, Roberto Colombo alla chitarra, Aldo Zunino al contrabbasso, Luca Velotti al sassofono e Fabrizio Cattaneo alla tromba, si esibirà infatti in un omaggio a Benny Goodman, il clarinettista che seppe meritarsi l'appellativo di "King of swing".
Torneremo a respirare l'aria degli anni '30, quando la gioventù americana non chiedeva altro che una musica frizzante e divertente per dimenticare ballando gli anni bui della recessione del '29 e del proibizionismo.

Il livello degli ospiti della serata conferma la felice intuizione del Louisiana che, da ormai quasi quarant'anni, soddisfa la grande voglia di jazz dei genovesi. Il club ha saputo portare a Genova, negli anni, artisti come Gillespie, Mingus Big Band, Count Basie Orchestra e Dexter Gordon, organizzando manifestazioni di grande rilievo e serate memorabili. Tra queste il memorial Dagnino, che non era un musicista, ma per la musica ha fatto tanto. La donazione della sua prestigiosa collezione di 15000 dischi, infatti, ha fornito al Louisiana Jazz Club l'input decisivo per dare vita al museo del jazz di via Tommaso Reggio.
Le due edizioni precedenti avevano visto la partecipazione di Dado Moroni, Andrea Pozza, Gianni Coscia, Gianni Basso, Romano Mussolini, Guido Pistocchi, Bansigu Big Band, e, naturalmente, la Louisiana Jazz Band, ovvero il meglio del jazz in Italia.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Hereditary Le radici del male Di Ari Aster Horror U.S.A., 2018 Quando l’anziana Ellen muore, i suoi familiari cominciano lentamente a scoprire una serie di segreti oscuri e terrificanti sulla loro famiglia che li obbligherà ad affrontare il tragico destino che sembrano aver ereditato. Guarda la scheda del film