Magazine Martedì 25 novembre 2014

Dante detective nella sindone del diavolo

Dante Alighieri diventa investigatore nel nuovo thriller di Giulio Leoni

Magazine - 1313. Mi piace quest’atmosfera demoniaca che Giulio Leoni, come sa ben fare, crea dalla prima pagina de La sindone del diavolo. Un'indagine di Dante Alighieri (Nord, 2014 Pag. 384, 14,90 Eur) quando, dopo essersi tuffato nella profondità delle tenebre della Giudecca, nel gelido 34° canto della dantesca commedia dedicato a Lucifero (Satana o Belzebù), traspone il lettore in una Venezia estiva, implacabilmente bagnata dalla nebbia ma arrossata e insanguinata dalle fiamme dell’Inferno.

Una missione inquietante quella di Dante, fin dall’inizio permeata di mistero e di paura. Un incontro casuale con un galeotto, seguito dal richiamo, o forse meglio dal grido di aiuto, di Arrigo VII (o Enrico VII) l’imperatore, disteso ammalato e impotente a Pisa su quello che rischia di diventare il suo letto di morte. E lui, il poeta, non può, non deve supinamente accettare la condanna a morte del suo “faro”, del suo imperatore che colloca orgogliosamente nel Paradiso della sua Commedia e che, già nel Purgatorio, annuncia come. … l'alto Arrigo, ch'a drizzare Italia verrà in prima ch'ella sia disposta. L’unico che forse potrà permettergli di tornare a calpestare le strade di Firenze, la sua città.

Dante non ha scelta, deve accollarsi un inquietante missione “impossibile”: la ricerca delle “lacrime del diavolo”, panacea pare per ogni morbo, e, con cose, persone e il tempo stesso tutti alleati contro di lui, partire per un lungo e periglioso viaggio da solo, attraversando contrade ostili, fino a Venezia.

E il suo sarà un avanzare lento, denso di insidie, punteggiato da strani metafisici incontri con sconosciuti, che però sanno di lui, dell’opera che sta scrivendo, con l’irreale e il fantastico che l’inseguono e l’intimoriscono, per riuscire finalmente a raggiungere la laguna. Il suo compito è scovare, Nazeeh Al Bashra, che pare si nasconda nei più tenebrosi recessi della città, Al Bashra, uno speziale saraceno temuto per la sua sinistra fama di controllare Satana, ma che forse è l'unico che disponga della cura in grado di risanare Arrigo VII. Ma a Venezia nessuno sa dirgli dove trovarlo e invece sono in tanti a giurare di aver visto il Diavolo in persona.

Paura, inganno, pazzia collettiva fomentata ad arte o veramente un Diavolo si nasconde nei meandri della laguna. Ma soprattutto chi è che sta eliminando uno dopo l'altro tutti coloro che potrebbero aiutare il poeta a trovare la verità? Forse nella locanda del Doge Zanni che pare sia il luogo d’imbarco delle anime per il regno dei morti?

Un ottimo thriller storico in cui Giulio Leoni ritorna al suo protagonista principe: Dante Alighieri, un po’ invecchiato, oppresso e piagato dall’esilio ma al quale la fiamma di battersi contro il male ridona novello e quasi sovrumano vigore. E tanto ci vuole per sconfiggere Satana, l’angelo caduto, il demone che vuole prevaricare l’umanità.
Una trama compiuta: un crudele prologo barbaramente bagnato dal sangue di una terribile pena, si rivela la scintilla che ha provocato il viaggio di Dante verso questo suo sofferto e diverso Inferno. Verso la scoperta del significato di questa nuova e blasfema Sindone del diavolo. Ma tutto sarà vano perché ormai l’epilogo e il destino stanno per scoccare la loro freccia fatale.

Ambientazione straordinaria per una grande Venezia completamente sconosciuta, permeata da un'atmosfera magicamente e misteriosamente infernale, dominata dalle lotte intestine, dagli intrighi e dalla brama di prevaricazione, dove l’unico miraggio è il potere. Linguaggio coltissimo. Calibrati e facili da seguire i riferimenti storici e culturali, che non devono mai spaventare il lettore, per una straordinaria avventura medioevale. Da leggere e da gustare.

di Patrizia Debicke van der Noot

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Darkest Minds Di Jennifer Yuh Nelson Fantascienza U.S.A., 2018 Dopo che una malattia sconosciuta ha ucciso il 98% dei bambini, il 2% dei sopravvissuti sviluppa misteriosamente dei superpoteri. Proprio a causa delle loro straordinarie abilità, i ragazzi vengono dichiarati una minaccia dal governo e rinchiusi in campi... Guarda la scheda del film