Magazine Martedì 11 novembre 2014

Chi ami non ti considera? Fatti mangiare dall'amore!

Un fotogramma dal booktrailer di Fatti mangiare dall'amore

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Cara Antonella,
non c'è nulla da fare: lei non mi considera, eppure dovrebbe. O meglio, almeno dovrebbe darmi una possibilità.
Ho 35 anni, sono gradevole di aspetto, una buona posizione e dei buoni argomenti. Anche lei ha tutto questo, per carità, ma continua a scegliersi persone che non sono alla sua altezza: persone che la trattano male e che lei lascia poco dopo proprio per questi motivi.

Io e lei lavoriamo nello stesso studio, ci vediamo ogni giorno. Ma pur standole vicino, ho sempre evitato che diventassimo amici. Io vorrei che lei fosse la parte che mi completa.

Ho provato in questi due anni con delle avances non troppo scoperte; lei ha flirtato ma poi si è ritirata. Secondo me ci prova gusto.
Per fortuna, anche in studio essendo entrambi di pari grado, non dovrebbero esserci problemi per una nostra relazione.

Ora vorrei dichiararmi apertamente e porre fine (nel bene e nel male) a questa situazione che mi logora. Come faccio?
Antonella, dammi una mano!
Grazie,
P. Romo.

Caro P. Romo,
(sarà un errore del T9 per Romeo?), le frasi chiave della tua mail sono due: «Sono gradevole di aspetto, una buona posizione e dei buoni argomenti» e «Secondo me ci prova gusto».
Allora, si vede che buoni argomenti non ne hai e che, forse, dovresti farle provare un altro gusto. La ricetta è nel video all'inizio dell'articolo.

Auguri,

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Hannah Arendt Di Margarethe Von Trotta Drammatico Germania, Lussemburgo, Francia, 2012 Scappata dagli orrori della Germania nazista, la filosofa ebreo-tedesca Hannah Arendt nel 1940 trova rifugio insieme al marito e alla madre negli Stati Uniti, grazie all'aiuto del giornalista americano Varian Fry. Qui, dopo aver lavorato come tutor universitario... Guarda la scheda del film