Magazine Lunedì 8 settembre 2014

La Biblioteca del Futuro: i libri che leggeremo tra un secolo

© felixtsao / flickr.com

Magazine - I romanzi postumi rappresentano quella chicca letteraria da dare in pasto al mercato subito dopo la scomparsa di un autore che ha lasciato orfani migliaia di lettori nel mondo. Spesso il manoscritto ritrovato è un romanzo incompiuto o un racconto breve che viene stampato con l'aggiunta di una lunga prefazione redatta da qualche firma pregiata, e poco importa se nelle intenzioni del trapassato il libro non avrebbe mai dovuto vedere la luce: il problema principale di molti editori resta quello di riuscire a fare arrivare sugli scaffali delle librerie il manoscritto prima che si esaurisca l'onda lunga della commozione.

Fin qui, nulla di nuovo. Il discorso cambia con il progetto artistico La Biblioteca del Futuro, una curiosa iniziativa ideata dall'artista scozzese Katie Paterson che ha trovato l'appoggio di diversi autori viventi.
Come suggerisce il nome, la Biblioteca del Futuro ancora non esiste: attualmente non è che un bosco norvegese ricco di alberi dai quali verranno realizzati 100 libri nel 2114.

Gli scrittori ingaggiati per questa futuristica operazione sono chiamati a scrivere un testo che resterà inedito fino al fatidico 2114. I 99 autori che decideranno di cimentarsi in questa impresa non sapranno mai se il destino del loro libro sarà stato quello del best seller o quello meno pregiato del sottobicchiere, ma avranno comunque tutto il tempo per scrivere il loro testamento artistico.

Nel contempo i manoscritti completati verranno conservati in una stanza speciale della Nuova Biblioteca di Oslo, disegnata e costruita da Katie Paterson in persona. La stanza sarà aperta al pubblico, ma nessuno dei manoscritti potrà essere letto fino alla sua pubblicazione, ossia fra 100 anni.

Future Library Trust - questo è il nome originale dell’iniziativa - rientra in un progetto più ampio, lo Slow Space Bjørvika che ha come obiettivo il rinnovamento della zona del porto di Oslo e raccoglie idee su progetti di lungo termine proprio come quello di Katie Paterson.
Intanto la Biblioteca del Futuro ha già trovato la sua prima autrice: si tratta della scrittrice canadese Margaret Atwood che ha sposato l'iniziativa con entusiasmo: «è il tipo di cosa in cui dici subito sì o no» ha dichiarato al Guardian, senza ovviamente svelare nulla sul romanzo.

di Andrea Carozzi

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Shark Il primo squalo Di Jon Turteltaub Azione U.S.A., 2018 Un sommergibile oceanico – parte di un programma internazionale di osservazione sottomarina – viene attaccato da un’imponente creatura che si riteneva estinta e che ora giace sul fondo della fossa più profonda del Pacifico...... Guarda la scheda del film