Magazine Sabato 30 agosto 2014

Outlaw Pete. E Bruce Springsteen diventa scrittore per l'infanzia

Particolare della copertina di Outlaw Pete, il libro per l'infanzia di Bruce Springsteen

Magazine - Bruce Springsteen non riesce a stare fermo. Mentre si spengono i riflettori dello sterminato Wrecking Ball World Tour e viaggia in rete il suo debutto da regista con Hunter of Invisible Game, ecco che sul sito ufficiale del cantante compare il nuovo progetto del Boss: Outlaw Pete, un libro illustrato per l'infanzia che Bruce Springsteen ha creato insieme al cartoonist Frank Caruso.

Basato sulla canzone omonima incisa dal Boss in Working on a Dream (2009), il racconto narra le gesta del rapinatore di banche in fasce che di rapina in rapina inizia a meditare su peccato, destino e libero arbitrio. Il libro uscirà il 4 novembre per i tipi di Simon & Schuster, nome tutt'altro che casuale per questa curiosa uscita in libreria.

L'editore infatti detiene i diritti di Brave Cowboy Bill, il personaggio originale che nel 1950 divenne un piccolo caso editoriale e uno dei fuorilegge più amati dai bambini Usa. Tra questi, il piccolo Bruce Springsteen, al quale la mamma era solita leggere le gesta western del baby rapinatore, imprimendo suggestioni indelebile nella mente del Boss.

«Outlaw Pete è essenzialmente la storia di un uomo che ha cercato di superare i propri peccati e sopravvivere ad essi», spiega Springsteen sul suo sito, mentre Frank Caruso conferma che il Boss, approcciandosi al personaggio originale, «Non soltanto ha scritto una grande canzone, ma ha dato vita a un grande personaggio».

di Matteo Paoletti

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione