Magazine Lunedì 7 ottobre 2002

La mia economia

Magazine - A sentirlo parlare, il tono pacato e la voce profonda, ricorda uno di quegli attori americani che vanno di moda adesso. Ma non chiedetemi il nome, io non ricordo mai i nomi degli attori.
Lo ascolto mentre mi spiega, come farebbe con un bambino, come funziona l’economia.
A me, che faccio fatica a compilare una distinta in banca e non ho mai capito un cazzo di queste cose. In realtà non mi sono mai impegnato molto, ma non per pigrizia, è che davvero non capisco niente.
Ma lui è gentile, e paziente, e mi parla di globalizzazione. Mi sono sempre domandato cosa significhi, e forse adesso potrò capirlo. Lui parla lentamente e mi spiega perché, in base alle regole di mercato, a una ditta tedesca convenga produrre materiale in Thailandia, assemblarlo in Messico, e distribuirlo nell’Europa orientale. Perché in Thailandia fanno lavorare i bambini. Perché il costo del lavoro in Messico è più basso che in Germania. Perché in Russia ci sono delle particolari condizioni che favoriscono le vendite.
Comunque io, anche dopo la sua spiegazione, continuo a non afferrare il concetto, ma lui è gentile, e paziente, e io non voglio fare la figura dello stupido. Allora sorrido e gli dico che ho capito. Ho capito la globalizzazione. Ho capito la new economy. E ho anche capito perché non può più farmi lavorare.

Lui mi spiega anche i vantaggi del lavoro interinale, e questo un po’ lo capisco. In fondo non è una brutta cosa, questa del lavoro in affitto. A me non piacerebbe fare lo stesso lavoro per tutta la vita. Sempre lo stesso. È bello cambiare, conoscere gente nuova, vedere posti diversi.
Ma la globalizzazione non sono proprio riuscito a comprenderla, anche se sorrido e dico di sì, che ho capito tutto. In fondo sta perdendo un sacco di tempo per spiegarmelo, e se io non capisco, non è colpa sua. Se non mi avesse spiegato queste cose, sarei incazzato con lui. Ma lui non mi sta licenziando. Non è il mio padrone. Non sono il suo dipendente. Sono un collaboratore, e le collaborazioni finiscono. Certo, che la nostra collaborazione sia finita lo ha deciso lui, ma non è importante.
«Iniziativa, ci vuole» dice lui stringendomi la mano.

Deciso a seguire il suo consiglio, mi lancio nel marketing multilivello.
Partecipo a una riunione gigantesca in cui tutti urlano, sono vestiti allo stesso modo e non si distinguono l’uno dall’altro. Quello che sembra il capo, sul palco, dice delle cose che mi fanno quasi piangere, e allora grido anche io e mi sento grande, forte e bello.
Poi, a casa, guardo la valigetta dei prodotti, che ho acquistato e devo vendere, e mi accorgo che qualcosa non va. Una parte di quello che guadagno spetta a chi sta sopra di me. È una specie di piramide.
Anche del marketing multilivello non ho capito molto, tranne due cose. La prima, è che l’importante non è fare, ma vendere. La seconda, che bisogna trovare qualcuno che lavori al posto tuo.
Decido di mettermi in proprio: padrone di me stesso, servo di nessuno. Una piccola attività, magari un negozio di fumetti. Ma servono soldi e i soldi li hanno le banche.
Parlo con un funzionario, anche lui gentile come il mio capo (insomma, il mio collaboratore), anche lui elegante, ma con meno personalità. Sembra molto interessato e mi riempie di complimenti, è bello sentire un giovane con tanta iniziativa, dice, poi inizia a dire cose incomprensibili, e anche lui parla di new economy. Quando finisce di parlare, l’unica cosa che comprendo è che non avrò il prestito.

Torno a casa, demoralizzato. Poi capisco che sto sbagliando.
Non basta l’iniziativa, ci vuole anche la preparazione, e ci vogliono gli argomenti giusti. Allora decido di prepararmi. Prima leggo tutti i libri di economia che trovo in biblioteca, poi le biografie di Rockfeller e Onassis, ma anche in questo caso qualcosa non mi convince.
Cerco qualcosa di diverso, e lo trovo in Jules Bonnot, Butch Cassidy, Horst Fantazzini, Sam Bass, Francisco Sabaté, John Dillinger.
Loro sono sempre riusciti ad avere dei prestiti dalle banche. Perché avevano trovato i metodi giusti. Alcuni erano metodi gentili, come quelli di Horst Fantazzini e Sam Bass. Altri lo erano meno: quelli di Bonnot e Dillinger.
Ma sia gli uni che gli altri erano efficaci. L’importante è avere gli argomenti giusti.
Come la Walther 7.65 che mi hanno fornito i miei amici albanesi. Ormai anche in Italia procurarsi un’arma è facile come negli Stati Uniti, anche se meno legale. Che siano i vantaggi della globalizzazione? Una pistola tedesca acquistata in Italia dagli albanesi: un po’ come il discorso del mio capo sulla ditta tedesca che produce in Thailandia, assembla in Messico e vende in Russia.
Domani mattina andrò a chiedere un prestito a un’altra banca.
Non so se questa sia la new economy, ma questo è quanto ho capito io.

Ettore Maggi

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Rex Un cucciolo a palazzo Di Ben Stassen Animazione Belgio, 2019 Da quando ha fatto il suo ingresso a Buckingham Palace, Rex conduce una vita immersa nel lusso. Dotato di uno spirito da capobranco, ha rimpiazzato il posto dei tre Corgi nel cuore di Sua Maestà. La sua arroganza può risultare alquanto irritante...... Guarda la scheda del film