Magazine Mercoledì 9 luglio 2014

Giorgio Faletti, in 5000 ai funerali. Asti gli dedica la Biblioteca

Giorgio Faletti a Genova
© mentelocale.it

Magazine - Nel pomeriggio di ieri, martedì 8 luglio, Asti si è stretta per l'ultimo saluto a Giorgio Faletti, scomparso a 63 anni per un tumore. La città natale dello scrittore, che in occasione delle esequie ha osservato una giornata di lutto cittadino, ha partecipato in massa alla liturgia funebre, accompagnando il feretro nel suo ultimo viaggio.

Chiesa Collegiata di San Secondo tracimante di gente, con cinquemila persone rimaste fuori, tra piazza e sagrato.
Moltissimi gli amici e i colleghi giunti ad Asti per il funerale, dal concittadino Paolo Conte a Enrico Beruschi, da Ugo Conti a Fanco Neri, fino a Luciana Littizzetto.

In occasione delle esequie, il sindaco di Asti Fabrizio Brignolo ha annunciato che la città intitolerà a Giorgio Faletti la Biblioteca Civica, di cui l’artista era Presidente in carica.
«Una proposta condivisa da tutti - ha spiegato il sindaco - E non abbiamo dubbi che sarà approvata in tutte le sedi: parliamo di un astigiano che oltre che un grande artista è stato caratterizzato da una carica umana straordinaria».

Giorgio Faletti è stato presidente della Biblioteca per due anni, fornendo un importante contributo per le operazioni di trasferimento nella nuova sede che sono ormai a buon punto: sono già stati installati gli scaffali e a breve di procederà al trasloco dei libri.

L'iniziativa del Comune di Asti assume un significato particolare per il legame dello scrittore con la sua città, ma non è l'unica iniziativa in questo senso avviata da diverse amministrazioni: l'assessore ligure alla Cultura e al Turismo, Angelo Berlangieri, nei giorni scorsi ha infatti proposto di intitolare a Giorgio Faletti un festival nella regione in cui era solito trascorrere larga parte del proprio tempo libero.

di Matteo Paoletti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Il deserto rosso Di Michelangelo Antonioni Drammatico Italia, 1964 A Ravenna, ridotta a deserto industriale, una giovane borghese nevrotica, moglie di un ingegnere, cerca vanamente un equilibrio, si fa un amante e vaga senza trovare soluzione alla sua crisi.  Guarda la scheda del film