Il Teatro Stabile si apre alla città - Magazine

Teatro Magazine Martedì 17 settembre 2002

Il Teatro Stabile si apre alla città

Magazine - Dopo l’anticipo sulla nuova stagione teatrale allo Stabile dedicata alle , oggi, martedì 17 settembre, l’intero cartellone di Duse e Corte è stato presentato ad un folto pubblico di non soli addetti stampa, ma anche e soprattutto di futuri protagonisti dei due palcoscenici cittadini.
La grande novità di quest’anno è proprio questa: la direzione del teatro ha consolidato vecchie collaborazioni con realtà artistiche genovesi, e recuperato antichi rapporti con altri gruppi, dando ampio spazio a chi a Genova di teatro si occupa ormai da molto tempo, con grande dedizione e spesso indiscusso successo.
Una presentazione di stagione dunque inusuale e allo stesso tempo molto partecipe, dove lo scambio dei ringraziamenti si è protratto più a lungo del solito. Un’apertura che, come ha sottolineato il direttore artistico Carlo Repetti, "è doverosa verso una Genova che a breve sarà una delle Capitali Europee della Cultura" e che pare già ben preparata a mostrare i suoi punti di forza.

Arriviamo dunque al concreto di nomi e titoli in un cartellone che sfiora le quaranta proposte senza tener conto delle sempre interessanti Mises en Espace ed Esercitazioni. Alla Corte si parte con Madre Courage e i suoi figli, per la regia di Marco Sciaccaluga. Quasi in contemporanea la Compagnia Progetto U.R.T. darà l'avvio alla stagione del Duse con un testo di Shakespeare non particolarmente rappresentato, Misura per misura. Seguiranno altre due produzioni genovesi: quella della Chance Eventi su testo di Arnaldo Bagnasco Moka Cabaret che, nelle parole dell’attrice Carla Peirolero “è un po’ il seguito di Butterfly Bazar", spettacolo musicale applaudittissimo nelle diverse repliche in città. Come anticipato spazio anche al dialetto con una produzone del Centro Teatro Ipotesi, che propone uno shakespeare genovese con il cantastorie Giobatta Musso interpretato da Mauro Pirovano, già affermatosi con la sua rilettura in genovese di Amleto. Più avanti nella stagione, ai primi di aprile, sarà la volta di Mario Bagnara, scrittore genovese che si è dedicato moltissimo al dialetto ma che, per l’occasione, presenta un testo in italiano L’uomo di Arimatea, finalista l’anno scorso al Premio Teatrale Enrico Maria Salerno e presentato in una produzione del Teatro Garage.
Per restare ancora nell’ambito delle proposte genovesi ritornano i canti e le danze etniche a cura di Echo Art prima di Natale e a febbraio musiche dalle terre di Marco Polo; inoltre, per la prima volta, Federica Calvino Prina, moglie del celebre chitarrista Giuseppe Gambetta che ritornerà con le sue Acoustic Night ad aprile, andrà in scena con musica e danza del XII secolo tra Spagna e Italia.
Nonostante l’ampia ospitalità rivolta alla creatività delle realtà locali, il cartellone dello Stabile resta ricco di proposte dai migliori rappresentanti del teatro italiano contemporaneo accogliendo Franco Branciaroli, Valerio Binasco, Peter Stein, Pippo Delbono, Lorenzo Salveti, Armando Punzo, Moni Ovadia, Gabriele Lavia, Benno Besson, Marco Paolini e Matthias Langhoff per citarne solo alcuni, senza dimenticare interpreti come Iaia Forte, Maddalena Crippa, Massimo Dapporto, Ottavia Piccolo, Carlo Cecchi e Valeria Moriconi.

Nessuno escluso dunque e un pensiero anche per il pubblico arriva ancora dalla direzione: nessuna variazione sui prezzi di questa stagione. Piuttosto arrotondamenti per difetto sui centesimi e agevolazioni su abbonamenti e biglietti per i giovani.
Presto verrà anche presentata la ricca stagione delle iniziative culturali all’interno del Foyer e il programma del lunedì sera con le Grandi Parole, appuntamento che ha riscosso un incredibile successo, che ancora sorprende gli stesi organizzatori, e che quest’anno dedicherà letture e riflessioni all’idea di Europa: dal mito alla realtà passando per i grandi progetti storici.
"...non manca più nessuno solo non si vedono i due Leocorni" ovvero qualche nome in più di quel teatro di ricerca che in Italia vanta nomi celebri fin dai mitici anni '70, ma che troppo spesso soffre di scarsa continuità per scarsa ospitalità.

per scoprire date, titoli, registi e interpreti della stagione 2002-03.

Potrebbe interessarti anche: , Giudizio Universale: la Cappella Sistina secondo Marco Balich , Artisti e progetti vincitori di #UBU40 accanto a quelli di Hystrio, Rete Critica e ANCT , Turandot: la trama dell'opera, tra un principe pirlone e donne con scarsa autostima , Acqua di colonia: il colonialismo italiano secondo Frosini/Timpano , Dall'Olanda il teatro-incontro in Perhaps All The Dragons dei Berlin