Concerti Magazine Nonsolomorego Martedì 10 settembre 2002

Impressioni di settembre

Magazine - Il 6 e 7 settembre, negli spazi dell’associazione culturale Nonsolomorego, s’è svolta la manifestazione dedicata al rock di frontiera Impressioni di settembre. L’evento è stato anche l’occasione per dare vita ufficialmente al Centro Studi per il Progressive Italiano, che ha lo scopo di raccogliere e archiviare documentazione (cartacea, fotografica, multimediale) sul pop italiano degli anni Settanta, per poi metterla a disposizione di appassionati e studiosi.

Venerdì 6 settembre è stata inaugurata la mostra di dischi, esibiti all’interno delle bellissime teche di Palazzo Ducale. Molte le “icone” presenti (il faccione spaventato di In the Court of the Crimson King, il prisma componibile di Brain Salad Surgery degli EL & P o il “giornale” di Thick as a brick dei Jethro Tull). Non sono mancate nemmeno le rarità come l’album dei canterburiani Centipede o 1984 del Soft Machine Hugh Hopper.
Esposti, oltre ai dischi, pannelli di quasi due metri d’altezza che illustrano geneaologie, discografie e aree tematiche.
In serata s’è svolto l’incontro con Paolo Besagno, che ha presentato una sua composizione elettroacustica, Primo Vere, assai vicina alle sperimentazioni di Berio e del minimalismo americano. Ospite della serta anche Martin Grice, ex fiatista dei Delirium ma non solo…
Martin ha deliziato la ristretta ma agguerrita platea con aneddoti relativi alla sua formazione di musicista. Giunto alla fine degli anni Sessanta in Italia dalla lontana Birmingham, ha intersecato la sua esperienza con nomi famosi del rock internazionale (Bill Wyman degli Stones, Matt Fisher dei Procol Harum, qualche musicista dell’entourage di Zappa e Archie Sheep). Il fenomeno progressive in Italia è nato proprio in quel periodo e lui ha raccontato l’amicizia fraterna con Capiozzo degli Area e come si sia sviluppata la genesi del gruppo degli Stratos, sino alla militanza nei Delirium, quando è subentrato per sostituire Ivano Fossati.

Sabato sera, invece, è stata la volta del concerto: quasi tre ore di musica durante la quale si sono alternati sul palco gli Ines Tremis,con il loro crossover cinematografico tra colonne sonore e rock duro, e i Great Complotto, raffinatissimo juke box di progressive abile nel riprendere hit dell’epoca e di presentare un proprio repertorio in bilico tra Soft Machine, King Crimson e Gong. In mezzo un piacevole interludio acustico curato dai due Vicolo Corto Roberto Orsi (voce) e Simone Barani (chitarra) che hanno interpretato Roundabout degli Yes e The Sage degli EL & P (più un originale bonus track dalle sonorità eteree). Ovviamente, on stage, non poteva mancare il gradito passaggio di Martin Grice che s’è esibito con i due gruppi dimostrando che il lupo può perdere il pelo ma non il vizio.

Due belle giornate, con una discreta affluenza di appassionati e curiosi che ha certamente contribuito a fare crescere l’entusiasmo, già a mille, degli organizzatori. La prima pietra è stata messa, ora si attende solo di vederne delle belle…

Chi vuole avere più informazioni può scrivere a:

Eva Pascal

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Il testimone invisibile Di Stefano Mordini Thriller 2018 Adriano Doria è "l'imprenditore dell'anno" nella nuova Milano da bere. Guida una BMW, porta al polso un Rolex vistoso, ha una moglie e una figlia adorabili e un'amante bella come Miss Italia. Ma ora si trova agli arresti domiciliari, accusato di... Guarda la scheda del film