Concerti Magazine Giovedì 5 settembre 2002

Genova progressive

Tra la fine degli anni '60 e l'inizio degli anni '70 chi immaginava la città del 2000 la pensava su qualche stazione orbitante al largo della Terra, magari su qualche colonia. Sempre in quegli anni chi pensava alla musica del 2000 la immaginava in continua evoluzione, sui binari del rock progressive. Quindi città sotto una cupola di vetro e musica ormai svincolata dai modelli beat: tre accordi e ritornello facile. Non più canzoni (o canzonette), ma vere e proprie suites di venti e passa minuti, con ampio spazio per le tastiere, per session strumentali e assoli prima inconcepibili. Erano i tempi delle tastiere di Keith Emerson e dei suoi Nice, ma soprattutto dei King Crimson, i primi a realizzare un vero album progressive nel 1969 (In the Court of the Crimson King).

Oggi che quel futuro è arrivato, ci troviamo ad avere a che fare con città che risentono ancora dell'abusivismo edilizio post-boom economico e con hit parade dominate da Britney Spears e dal Brusco che canta Abbronzatissima. Di quell'epoca rimangono le incisioni di gruppi indimenticabili, ma anche tante opere uniche, rare e semi-sconosciute. E ora nasce a Genova un Centro Studi per il Progressive Italiano per avviare percorsi di ricerca, raccogliere documenti e materiale su un'esperienza che è tutt'altro che conclusa (continuano a suonare molti dei gruppi di allora, vedi Banco di Mutuo Soccorso e i New Trolls, ma anche tanti artisti più giovani che credono in una musica "in progredire"). La scelta di Genova non è casuale: nelle cantine del capoluogo genovese si facevano le ossa alcune tra le migliori band del panorama italiano (vedi Leggi l'articolo ). Il centro verrà inaugurato venerdì 6 e sabato 7 nel corso di Impressioni di Settembre-Prima Rassegna del Rock di Frontiera, che si terrà in via Morego (Bolzaneto) presso i locali dell'Associazione Nonsolomorego.

Il programma delle due serate prevede l'inaugurazione della mostra di dischi, venerdì alle 18.30 (la mostra potrà essere visitata anche sabato dalle 15 alle 20). A seguire un seminario-dibattito al quale interverranno Paolo Besagno e Riccardo Storti (autore del volume Progressive in Italia), che illustrerà aspetti e questioni del panorama progressive italiano degli anni '70. Sarà presente anche Martin Grice, protagonista della scena musicale di quegli anni con i Delirium. Sabato si suonerà: a partire dalle 21, concerti in piazza Cassissa di The Great Complotto e Ines Tremis. L'ingresso alle due serate è gratuito.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

A star is born Di Bradley Cooper Drammatico, Musicale U.S.A., 2018 Il musicista di successo Jackson Maine scopre, e si innamora della squattrinata artista Ally. Lei ha da poco chiuso in un cassetto il suo sogno di diventare una grande cantante... fin quando Jack la convince a tornare sul palcoscenico. Ma mentre la carriera... Guarda la scheda del film