Concerti Magazine Giovedì 5 settembre 2002

Tiziano Ferro alla Festa dell'Unità

Magazine - È l’idolo incontrastato degli adolescenti di mezza Europa. Il fiero oppositore in chiave spaghetti-blues del piadina-rock dei Lunapop. Il traghettatore su pentagramma da Cristina D’Avena alle scelte della maturità. Che non è detto non lo contemplino. Perché piace un po’ a tutti, un po’ ovunque. È in cima alle hit parade di Italia, Spagna, Francia, Germania (per capire quanto seguito abbia basta inserire il suo nome su google.it: compariranno siti non ufficiali dal portoghese al tedesco). E venerdì 6 settembre sarà a Genova, alla Festa dell’Unità. Si esibirà al teatro tenda di piazzale Kennedy alle 21 (ingresso 10 Euro).

Piace ai ragazzi perché parla il loro linguaggio, fatto di abbreviazioni da SMS (scrive e Primavera non è +, si firma TZN), di riferimenti al mondo di internet ( sembrerebbe proporio il racconto di un amore di chat. In Le cose che non dici parla di un “Purgatorio virtuale”) e a quello di tutti i giorni. Spiega che amare “è antico”, ma che ci può fare, meschinetto, è innamorato. Canta di problemi come la bulimia (Mai nata), di difficoltà di relazione (Imbranato), di sesso (che “è un’attitudine/come l’arte in genere”) della voglia di rimanere bambini sempre (Il bimbo dentro).

Tiziano ama definire la sua “e-music”, ovvero musica della nuova generazione informatica, che abbatte i confini e le distanze e si mescola, si meticcia, si ibrida (e magari si scarica da internet). Insomma, contaminazione. La sua è una contaminazione della tradizione musicale R&B con quella melodica italiana, soprattutto per quanto riguarda la stesura dei testi. Scrive con un italiano da cantautore del 2000, solo apparentemente semplice, i testi sono pieni di metafore immediate ma non banali che lo rendono uno dei casi più interessanti e promettenti degli ultimi anni. Del resto di anni ne ha solo 22, e le canzoni del suo album di esordio sono ancora precedenti: se saprà liberarsi di certi moti ingenuamente giovanilistici (“Tu che vivi sempre nei tuoi/Timori di/Normalità/Che tanto il mondo/Non cambierà/Lo so anch’io/E finché puoi/Tu spacca tutto/Stupisci chi non crede/Non crede in te…” da Di più) e di qualche soluzione un po’ facilotta (“Sai che c’è?/Ci sei te/Da un po’ in qua” da Il Confine) è lecito aspettarsi qualcosa di buono per il futuro. E un consiglio: eviti di compilare ringraziamenti chilometrici nei credits del CD: denotano l'ansia di chi ha paura di non pubblicarne un altro.

Potrebbe interessarti anche: , Festival di Sanremo 2019: Bisio e Virginia Raffaele sul palco con Baglioni , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte

Oggi al cinema

Taxi Teheran Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2015 Seduto al volante del suo taxi, Jafar Panahi percorre le animate strade di Teheran. In balia dei passeggeri che si susseguono e si confidano con lui, il regista tratteggia il ritratto della società iraniana di oggi, tra risate ed emozioni. Si tratta... Guarda la scheda del film