Concerti Magazine Mercoledì 4 settembre 2002

MCR come Modena City Ramblers

Magazine - Eccoli qui i , finalmente in concerto a Genova giovedì 5 alle 21.00 alla Festa dell’Unità di Piazzale Kennedy.
Finalmente perché avrebbero dovuto suonare l’anno scorso proprio il giorno della morte di Carlo Giuliani, finalmente perché la loro musica porta rabbia e denuncia, ma anche tanta voglia di ricominciare nel modo giusto.

È la seguitissima band modenese nata nei primi anni novanta da un gruppo di amici amanti dell’Irlanda e della sua musica e che, nel tempo, ha saputo dirigersi verso una vera e propria integrazione culturale e musicale.
Stefano Cisco Bellotti, Massimo Ghiacci e compagnia hanno continuato a viaggiare - dopo l’Irlanda, sono andati in Messico e in America Latina - e a contaminare la loro patchanka celtica con la musica dei popoli e culture che hanno incontrato.

I Modena sono sempre stati molto aperti alle collaborazioni. Li abbiamo sentiti esplorare il folk irlandese con Bob Geldof ed i Chieftains, poi cantare canzoni scritte da Luis Sepulveda e Paco Ignacio Taibo II, raccontare storie tra sorrisi e amarezza con Paolo Rossi.
Dalla verde Irlanda dei primi album (Riportando tutto a casa, 1994 e La grande famiglia 1996), ai ritmi latini e nordafricani dei loro ultimi dischi (Terra e libertà, 1997, Cent’anni di Solitudine, 1998, Fuori Campo 1999), hanno sempre mantenuto quella loro ispirazione multietnica e un po’ on the road che fa divertire e riflettere al tempo stesso.
Così se le prime canzoni legano una ricerca quasi filologica delle melodie irish ai testi e alle canzoni dei partigiani in dialetto modenese, le ultime sanno di tequila ma parlano anche delle ingiustizie e dei soprusi subiti dai popoli delle Americhe.

In Radio Rebelde, registrato a Napoli, il loro melting pot si arricchisce delle eco partenopee.
E non è poco: la voce di Marcello Colasurdo, interprete delle antiche “fronne” napoletane, arriva dal passato e si inserisce sulla base ritmica irlandese, Daniele Sepe degli “Spaccanapoli” ha arrangiato i fiati di alcune canzoni, in altre si sente la voce del tunisino Marzouk Mejri.

C’è tutto lo spazio per divertirsi e ballare con i loro violini indiavolati con canzoni come Quarant’anni, Bella Ciao, Delinqueint ed Modna, ma anche per riflettere con le loro ballate: Amhed l’ambulante (scritta da Stefano Benni), Macondo Express e La strada.
Appuntamento al Teatro Tenda, alle 21.00, ingresso 10 €.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Alpha Un'amicizia forte come la vita Di Albert Hughes Azione, Drammatico, Thriller U.S.A., 2018 Dopo una battuta di caccia finita male, un giovane uomo delle caverne lotta contro una serie di ostacoli per ritrovare la strada di casa. Un’emozionante storia di crescita ed iniziazione arricchita dal forte rapporto tra il protagonista e un lupo. Guarda la scheda del film