Concerti Magazine Martedì 3 settembre 2002

Metti un Climax nel cd

Magazine - Il climax è una figura retorica che consiste nell’eccetera eccetera. Però non siamo qui a fare lezioni di linguistica, ma a parlare di musica. Quindi ricominciamo.
Climax è il nome di un gruppo giovane e di belle speranze che delle fumosità della retorica ha poco e ha tanta sostanza. Così va meglio.

È un gruppo nato un po’ per caso, “alla macchinetta del caffè del primo piano” della redazione di Altroconsumo. Già, perché a unire Marta Buonadonna (voce), Alessandro Sessa (voce e testi) è stata la professione di giornalisti. Gabriele Lonardi (chitarre, musiche e arrangiamenti), invece, era consulente di Altroconsumo per i temi di economia. «Sai come capita, si prende il caffè e si fanno due parole. Poi scopri che uno canta, l’altro ha delle musiche pronte e così si finisce a parlarne in un bar con una birra davanti». Marta Buonadonna, racconta così la nascita di questo gruppo decisamente strano.

«Abbiamo fatto un cd, Senza confini, un po’ artigianale, e ancora non ci sembra vero. Abbiamo anche fatto qualche data. Mi ricordo che andavamo a suonare all’Ultimo Metrò, un locale a Pavia, immersi nella nebbia. Con noi venivano i colleghi di lavoro a fare un po’ di claque». Eppure ascoltando il cd (otto tracce, testi in inglese e in italiano. Citiamo tra le nostre preferite Oltre il mio respiro e Stati di allucinazione) non si direbbe che si tratti di un prodotto da dopolavoro.

Le musiche sono accattivanti, con una spruzzatina di new wave anni ’80, tanta contaminazione e il mito (di Gabriele) dei Cure sempre stampato in testa. I testi sono orecchiabili ma non banali, hanno una vena cantautorale pulsante e viva. Che ci fa un cantautore con un patito dei Cure? «E con una cantante che ama il folk-rock americano», spiega Marta, che è di Genova, mentre i suoi compagni di avventura sono milanesi. «Certo il connubio all’inizio sembrava strano, ma poi bisogna dire che ne è venuto fuori qualcosa di originale. È venuto fuori quello che siamo veramente».

Ma cosa sono i Climax? Una piacevole parentesi o una scommessa per il futuro? I ragazzi ci credono, anche se per il momento scherzano un po’. «Per ora stiamo prendendo qualche contatto, magari per produrre il cd. Intanto ci siamo divertiti molto a farlo». Soprattutto a scrivere il retro di copertina. «Abbiamo voluto “fare i musicisti”. Abbiamo scritto i ringraziamenti, poi tra il serio e il faceto abbiamo messo i credits». Ne è venuto fuori che “Gabriele suona chitarre Gibson” («ed è vero») e “Marta indossa gioielli bulgari” («con la “b” minuscola, mi raccomando»).

Per il momento il cd è in possesso di pochi fortunati, ma chi volesse contattare i Climax può scrivere a Marta all’indirizzo .

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Il grande Lebowski Di Joel Coen, Ethan Coen Commedia Usa, 1998 Un ex hippy, viene assunto da un miliardario per consegnare nel luogo prescelto il riscatto per il rapimento della moglie. Ma dopo qualche incontro piccante con la figlia del suo datore di lavoro ed una partita di bowling, scoprirà che non c'é... Guarda la scheda del film