Magazine Mercoledì 30 aprile 2014

«Sogno i delfini, cosa significa?» Lo psicologo risponde

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Ho fatto un sogno, non mi ricordo come sia iniziato.
Mi sembrava che fossi su una nave e poi ero nel mare, in mare aperto, non mi ricordo se mi sono tuffata dalla nave.
Nell'acqua c'era una staccionata di legna ed io ero aggrappata ad essa e da sotto l'acqua hanno iniziato a venire a galla tanti delfini. Uno mi voleva prendere sulla sua schiena e io all'inizio scivolavo in acqua e non riuscivo a stare sulla sua grande schiena, lo vedevo enorme in confronto a me, sembrava quasi una balena

Poi ho iniziato a tenermi sulla sua pinna e nuotavo con lui. Mi sentivo spaventata ma felice, la mia paura era di cadere in acqua e di affogare dato che non so nuotare bene ma pensavo allo stesso tempo che se fossi andata a fondo lui mi avrebbe salvata, ma avevo comunque paura.

Poi col suo muso mi lanciava molto forte in aria e io facevo dei voli e poi come dei tuffi e rifinivo in acqua. Mi divertivo molto, ero molto felice: lo abbracciavo, lo baciavo a anche con i tuffi avevo sempre la stessa paura di andare a fondo che frenava un po la mia felicita'.

Poi però e arrivata di nuovo la nave che ha iniziato a sparare contro i delfini per ucciderli e io avevo tanta paura e urlavo che smettessero, ma certi delfini venivano feriti e vedevo l'acqua piena di sangue.
Cercavo di farli scappare ma non mi capivano e continuavano a giocare con me, poi non mi ricordo più come sia finito.
Antonella

Buongiorno Antonella,
bel sogno il suo. Ma lei non mi racconta niente di lei e dunque dare un senso a quello che ha sognato può solo che essere una interpretazione molto vaga.

In senso generale il contenuto del suo sogno potrebbe riferirsi alla sua voglia, o esperienza, di essersi trovata o essersi lasciata andare, in una situazione nuova e non del tutto razionale (nel senso rigido e conservatore del termine).

Una situazione che all'inizio non l'ha convinta, ma che poi, pur con incredulità, si è rivelata più bella ed intrigante del previsto, tanto da coinvolgerla e farle superare la sua paura . Un coinvolgimento che è stato bruscamente interrotto dal ritorno alla dura realtà.
Una realtà in cui la razionalità ha incominciato a distruggere questa esperienza dei sensi.

Non mi stupirei se questo sogno fosse relativo all'incontro con una persona diversa dai suoi abituali schemi, che le ha fatto scoprire nuove sensazioni e prospettive di vita. Una storia che ha poi incontrato delle forti critiche e contrasti proprio dalla sua parte razionale o da persone che l'hanno giudicata in modo negativo.

Ma, come le dicevo, lei parla troppo poco di sé e senza nessun riferimento questo sogno potrebbe essere banalmente la rievocazione di un documentario sull'uccisione dei delfini dopo aver visto una replica di Titanic.

A parte queste considerazioni io continuo a pensare che se lei vuole fare tesoro di questo sogno allora dovrà fare una riflessione sul suo attuale equilibrio tra la sua parte (forse troppo) rigida e razionale e una sua voglia di sperimentarsi in situazioni nuove e non convenzionali.

Ma non per questo così trasgressive da meritare un epilogo cosi drammatico.
Che ne dice?
Saluti

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo , «Mamma secondo te sono lesbica?»: la domanda di una figlia i dubbi di una madre , «Preferisco stare con le mie amiche anziché con il mio ragazzo: Cosa mi succede?» , Paura di essere omosessuale, lo sfogo di un ragazzo e la risposta dello psicologo , «E se fossi lesbica?»: forse è solo paura e ipocondria

Oggi al cinema

Searching Di Aneesh Chaganty Thriller U.S.A., 2018 Dopo che la figlia sedicenne di David Kim scompare, viene aperta un'indagine locale e assegnato un detective al caso. Ma 37 ore dopo David decide di guardare in un luogo dove ancora nessuno aveva pensato di cercare, dove tutti i segreti vengono conservati:... Guarda la scheda del film