Concerti Magazine Venerdì 30 agosto 2002

Weekend con Afterhour e Edoardo Vianello

Magazine - Lassù qualcuno è impazzito.
Ma anche
Lassù qualcuno ci ama.
Due (quasi) citazioni cinematografiche per fotografare ua situazione al limite della schizofrenia nell’offerta musicale di questa fine estate 2002. Parlare nello stesso articolo degli e di . Un po’ come mettere assieme Charlie Manson e Charlie Brown, la gazosa e l’arsenico, Mike Tyson e Don Lurio. Eppure le cronache riportano che lunedì 2 settembre in giro per la Liguria ci sarà il concerto della band milanese (alla Festa dell’Unità di Genova, alle 21) e quello del menestrello dell’abbronzatura anni ‘60 (a Diano Marina, al campo sportivo, ore 21.30).

Di una cosa possiamo essere sicuri: nessuno sarà in difficoltà nell’operare le sue scelte. Nel senso che non me lo vedo uno a fare ambarabàciccìcoccò per decidere tra Musica contabile, Non si esce vivi dagli anni 80 e il revival di Sei diventata nera e de Il peperone. Magari papà andrà a sgranchirsi le zampe con un po’ di twist, hully gully e surf e il figlio si catapulterà a sudare e a prendersi qualche sputo dal profeta al vetriolo Manuel Agnelli (nella foto). Il quale, per inciso, dichiara di preferire il padre al figlio; stando a quello che dice in Sui giovani d’oggi ci scatarro su (“come pararsi il culo è un vero sballo sabato in barca a vela lunedì al Leonkavallo l’alternativo è il tuo papà”).

Ma allora abbiamo sbagliato tutto: il vero alternativo è chi va ad ascoltare Vianello che canta Abbronzatissima original version (e non quella remixata e rappeggiata che sta facendo la fortuna del Brusco), chi si scatena sui Watussi e su Guarda come dondolo!? Vuoi vedere che l’Hully Gully in 10 è più trendy del grunge aggressivo, dell’anima distorta, delle visioni apocalittiche degli After?

Insomma, siamo su due pianeti completamente differenti, e se Vianello ci rassicura con un messaggio semplice semplice: divertitevi, divertitevi, divertitevi (anche se chi si è divertito ai tempi di La tremarella e di Pinne fucile ed occhiali adesso comincia probabilmente ad avere difficoltà a ricordarselo), Manuel Agnelli ci inquieta con stilettate che vanno sottopelle e fanno scorrere qualche brivido (“il mio ruolo è il pensiero malvagio che ti porta via con sé”). Ma non preoccupatevi, come direbbe il saggio
Sono solo canzonette
Ma anche
It’s only rock’n’roll but I like it.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film