Magazine Venerdì 30 agosto 2002

Laura Pariani tra tango e Gerry Scotti

Magazine - Un tango per festeggiare la vittoria del Premio Alassio 100 libri – Un autore per l’Europa. ha sbaragliato la concorrenza di autori di grande prestigio quali Nico Orengo, Margareth Mazzantini, Massimo Carlotto, Cristina Comencini e Marta Morazzoni per aggiudicarsi uno dei concorsi letterari più ambiti del panorama italiano.

La musica malinconica della pampa come filo conduttore di un romanzo, Quando Dio ballava il tango (edito da Rizzoli), che copre un secolo di storia argentina: ogni capitolo si apre con un nome di donna e con una strofa di un tango famoso. Il libro racconta la vicenda di donne emigrate dall’Italia inseguendo un miraggio di benessere, e si dipana attraverso ricordi, frammenti (una poesia, un santino, una parola che perde significato), nostalgie di una patria che diventa sempre più lontana e di una terra che non le ha completamente adottate. Donne che sono come le montagne: “solamente le montagne […] restano al loro posto. Le montagne e noi donne; sempre qui ad aspettare, a non chiedere, a non pretendere, a non seccare”.
Un romanzo intenso, corale, che fa emergere il lato femminile dell’emigrazione. Donne forti, donne che mantengono in vita il legame con il passato, donne semplici. Ma anche donne eccezionali, e vediamo allora emergere la figura di Evita Peron, che attraversa le pagine del libro così come i desaparecidos, le giunte militari, i mondiali del ’78.

Laura Pariani, già autrice di romanzi molto apprezzati da critica e pubblico (La signora dei porci, La foto di Orta) ritirerà il premio ad Alassio, in piazza del Comune, sabato 7 settembre alle 17.30. Renato De Carmine leggerà alcuni brani del romanzo.
Presenterà la serata Gerry Scotti.

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

I quattrocento colpi Francia, 1959 Piccolo parigino, trascurato dai genitori, scappa di casa due volte, ruba, è chiuso in un riformatorio da dove fugge per arrivare al mare che non aveva mai visto. Straordinario 1 lungometraggio di F. Truffaut che, premiato per la regia a Cannes,... Guarda la scheda del film