Magazine Mercoledì 12 marzo 2014

«Ho 15 anni, sono grassa e odio il mio corpo». Lo psicologo risponde

Se vuoi contattare il Dottor Marco Ventura scrivi una email a lettinovirtuale@mentelocale.it

Magazine - Ciao Marco,
mi chiamo Giulia ho 15 anni sono alta 1.55 peso 78 chili odio il mio corpo vorrei pesare 50 chili.
Mi detesto. Odio vedere quel grasso che mi circonda.

Aiutami per favore tutti mi prendono in giro compreso mio padre dicendomi che sono un errore.

Aiutami per favore,
Giulia

Giulia,
tu non ci crederai ma l'odio verso se stessi è una pessima compagnia. Peggio del «grasso».  Per cui, la prima cosa da fare è volersi bene.
E se chi ti sta intorno, compreso tuo padre, vuole davvero aiutarti dovrebbe incominciare a volerti bene per come sei.

E sarebbe anche carino che smettessero di dirti che sei un errore... che, ovviamente, nel caso ci fosse davvero un qualsivoglia sbaglio non saresti certo tu ad averlo commesso.

Sì, lo so, l'aspetto fisico è importante. Solo che non è la cosa più importante. E basare tutto sull'aspetto fisico (sia per chi è troppo grasso sia per chi diventa troppo magro) è soltanto un inganno per distogliere l'attenzione da quelli che sono i veri problemi.
Che sono, appunto, l'essere contenti di noi e sentirsi apprezzati e amati, prima per ciò che siamo e poi, semmai, per il nostro apparire.

Già, sembra la solita storiella. Solo che le cose stanno proprio cosi.
Per cui, l'unica cosa che, davvero, mi preme dire è: primo, volersi bene ed essere contenti di sé.
Poi, contagiare gli altri con il nostro entusiasmo.
Terzo scoprire che, proprio quando abbiamo deciso di non farci più caso, anche il corpo diventa più bello, qualunque cosa voglia dire bello (o meglio... bella).

Ciao Giulia,

di Marco Ventura

Potrebbe interessarti anche: , Innamorata di un amico del suo ex fidanzato, ma non sa come dirglielo , «Il mio ragazzo guarda film porno, ma non fa sesso con me» , Paura di sposarsi: i dubbi di una ragazza, la risposta dello psicologo , «Ho chiamato il mio compagno con il nome del mio ex: Cosa c'è che non va?» , Una donna ossessionata dal pensiero di essere lesbica chiede aiuto: il consiglio dello psicologo

Oggi al cinema

Lontano da qui Di Sara Colangelo Drammatico 2018 Lisa Spinelli è una maestra d'asilo con la passione per la poesia, tanto che i suoi figli ormai quasi adulti la trovano trasformata dalle lezioni che sta seguendo e il marito sente di essere un po' trascurato. Lisa non è di per sé... Guarda la scheda del film