Concerti Magazine Lunedì 5 agosto 2002

Al cinema ad occhi chiusi

È una cavalcata “al cinema ad occhi chiusi” quella che l’Ensemble Hyperion ha permesso di realizzare agli spettatori, affluiti in gran numero venerdì 2 agosto a Campetto, per la prima del loro tour in Insieme in Liguria 2002, terzo appuntamento del progetto di Regione e Provincia nel Centro storico genovese.
Il gruppo spezzino (otto musicisti in scena), capitanato da Bruno Fiorentini, abile strumentista e accorto organizzatore, non è nuovo ad operazioni a tema, a cavallo tra musica, danza e recitazione.
Quest’anno viene proposto un viaggio che vuol sottolineare i legami del cinema con la musica e viceversa, a partire dall’immagine nella memoria di molti, ovvero il pianista che, nelle sale dei primi del ‘900, accompagnava i film muti, prima con temi non originali fino al primo brano espressamente composto per un film, opera di Charles-Camille Saint–Saëns.
Nel 1927 la prima pellicola completamente sonorizzata, poi l’indimenticabile George Gershwin, di cui nel 1998 è stato commemorato il centenario della nascita, fino al tema di John Williams per Schindler’s List. (non richiede né presentazione, né commento).
Ben preparato e ben eseguito, con un arrangiamento ad hoc, un Omaggio ad Ennio Morricone e, di conseguenza, a Sergio Leone, con cui creò un binomio strettissimo e, forse, inimitabile.
Le colonne sonore morriconiane erano talmente determinanti per la “tessitura” filmica del grande e compianto regista romano, da fargliene richiedere la realizzazione prima di girare i film.
Tutti bravi i musicisti con una nota particolare di merito per Gloria Clemente al piano e Valerio Giannarelli al violino.
Lo scorrere della serata è legato dall’autorevole apporto di Roberto Alighieri, che racconta momenti topici della storia del cinema o semplicemente episodi curiosi (esilarante il pezzo sull’“invasività” dell’omino delle bibite).
È riuscito a scrivere brani brevi e vivaci, recitati con la sua consueta maniera a “fingere” un’improvvisazione, che, in realtà, presuppone grandi professionalità e capacità . Particolarmente apprezzati, ed altamente poetici, gli interventi danzati e mimici di Giovanni Di Cicco, ballerino e coreografo collaudatissimo.
E l’immaginario, malinconico (con una spruzzatina di comicità) calare della “The End” è subito mitigato dall’energia “a la Blues Brothers” di Everybody needs somebody to love, accompagnata dal batter delle mani a tempo e dal coro del pubblico.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

To Rome With Love Di Woody Allen Commedia U.S.A., Italia, Spagna, 2012 To Rome with Love è una commedia spensierata, un film caleidoscopico ambientato in una delle città più affascinanti al mondo. Il film ci mette in contatto con un architetto americano molto noto che rivive la sua gioventù, un... Guarda la scheda del film