Concerti Magazine Teatro Ariston Giovedì 20 febbraio 2014

Sanremo 2014. Frankie: «Pedala è un'esortazione a fare squadra»

Frankie Hi-nrg nel backstage dell'Ariston durante la prima serata di Sanremo 2014
© radiocorrieretv.blog.rai.it

Magazine - «Le persone sono il soggetto politico fondamentale che abbiamo in Italia. Pedala è un'esortazione a mettersi insieme, essendo ora leader, ora gregario per il bene della squadra». Frankie Hi-nrg riassume così il significato del brano che ha passato la prima selezione al Festival di Sanremo 2014. Un brano in cui il «diversamente cantante» - come ama definirsi – ha plasmato una complessa analogia tra il funzionamento della bicicletta e quello della società.

Un brano che lancia il nuovo album solista di Frankie, Essere umani, il primo per un'etichetta indipendente costruita e gestita in proprio. Anzi, in famiglia.
«Oggi ho uno sguardo un po' meno accusatorio e inquisitorio, ma più compassionevole nei confronti della società – spiega Frankie – Più che fustigare le persone, con la maturità ho cercato di capire perché a volte ci si comporta in determinati modi».

Maturità, un termine che ricorre spesso nella descrizione del rapper torinese. «L'indipendenza a livello discografico è una scelta che ho raggiunto dopo aver maturato esperienza sul campo, in tanti anni di lavoro a fianco di grandi professionisti. In questo senso tratto il palcoscenico dell'Ariston come una vetrina nella quale far conoscere il mio lavoro in divenire».

Venerdì sera, nella serata dedicata ai capisaldi della musica italiana, Frankie Hi-nrg duetterà con Fiorella Mannoia su Boogie di Paolo Conte. «Fiorella e io ci divertiamo tanto insieme. Per questo abbiamo scelto quel pezzo di Paolo Conte. Visto che sono sempre da solo sul palco, sono riuscito ad avere la compagnia anche di un gruppo di musicisti, che cercheremo di far muovere come un palmizio come prescrive il testo di Conte. Diventerà un pezzo per big band con due solisti».

Da grande artigiano della parola, Frankie Hi-nrg apprezza molto i brani di alcuni colleghi in gara. Pur ammettendo di non aver avuto modo di ascoltarli tutti, il rapper spiega: «Mi piace tantissimo Invisibili di Cristiano De Andrè e Rigenerazione di Sinigallia. E anche quella di Noemi che è passata. I Perturbazione mi hanno fatto scattare in piedi e ballare. Mi sembra un Festival bello variegato, che come nelle belle gelaterie soddisfa con tanti i gusti uno e l'altro».

Sulla scelta di tornare al Festival di Sanremo per la seconda volta, il cantante precisa: «Ho sempre seguito il Festival dall'altro lato dello schermo, ma per lungo tempo l'ho sentito qualcosa di troppo distante da me. Io sono un esponente della musica italiana. E allora quale miglior posto di Sanremo per proporla?»

Nessun commento, invece, sulle vistose somiglianze tra il campionamento di Golden hen del cantante giamaicano Tenor Saw e la parte dei fiati della sua Pedala, che gli sono valse in rete l'accusa di plagio.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Senza lasciare traccia Di Gianclaudio Cappai Drammatico Italia, 2016 Ha cercato di dimenticare, ma del suo passato Bruno porta i segni sulla pelle e sotto pelle, nascosti tra le pieghe dell'anima e del corpo, come la malattia che lo consuma lentamente. Fino a quando Bruno non ha l'occasione di tornare nel luogo dove tutto... Guarda la scheda del film