Concerti Magazine Mercoledì 19 febbraio 2014

Sanremo 2014: i retroscena del tentato suicidio

Rufus Wainwright

Magazine - Partito. Con qualche scossone, ma è partito. Il sessantaquattresimo Festival di Sanremo ha preso ufficialmente il via con l'esibizione ieri sera, martedì 18 febbraio, dei primi 7 big (leggi cronaca e commento della serata). Con il tributo di Ligabue a De Andrè («una delle cose di cui sono più orgoglioso», commenta Fazio), i momenti di varietà con Laetitia Casta e Raffaella Carrà, la musica senza tempo di Cat Stevens.

Oggi, mercoledì 19, la gara entra ancora più nel vivo con gli altri 7 big: Francesco Renga, Giuliano Palma, Noemi, Renzo Rubino, Ron, Riccardo Sinigallia e Francesco Sarcina. Ma è anche la serata delle prime 4 nuove proposte: Diodato, Filippo Graziani, Bianca e Zibba.
Ospiti, il sempiterno Claudio Baglioni, il cantautore canadese Rufus Wainwright, Franca Valeri e Claudio Santamaria.

In attesa di conoscere tutte le canzoni in gara, non si può non parlare di quel che è successo ieri sera. Il Festival è partito con un fuoriprogramma che a molti avrà ricordato l'aspirante suicida salvato da Pippo Baudo nell'edizione 1995.
Dopo pochi istanti di diretta, due disoccupati napoletani hanno minacciato di gettarsi da una balaustra. In realtà sarebbero quattro le persone coinvolte nella protesta, «già identificate e denunciate a piede libero», spiega il direttore di Rai Uno Giancarlo Leone: «si chiamano Antonio Sollazzo, Marino Marsicano, Salvatore Ferrigno, Maria Rosaria Pascale».
La dinamica di quanto avvenuto è stata ricostruita dal racconto che i quattro hanno poi fatto in Questura: «pare che siano arrivati ieri mattina a Sanremo in auto, poi avrebbero acquistato due biglietti ai botteghini del Teatro (a un centinaio di euro l'uno) e altrettanti dai bagarini» racconta Leone: «all'interno dell'Ariston la donna ha simulato un malore ed è stata soccorsa dalle persone della sicurezza. Due uomini, intanto, hanno approfittato dell'attenzione riservata alla signora per infilarsi in un corridoio laterale poco distante».

Questo quanto ha dichiarato il direttore di Rai Uno. Ovvio, qualche dubbio rimane. Fatto sta che l'episodio ha sconvolto interamente la serata, sia dal punto di vista umano che da quello organizzativo. «Siamo stati molto penalizzati dal lungo prologo, che ha inquietato non solo noi ma anche il pubblico a casa» spiega Fabio Fazio, «di conseguenza la scaletta è stata ricostruita blocco per blocco, sono stati spostati i blocchi pubblicitari e c'è stata una frammentazione della gara».
«La percezione è che in Italia ci sia un dolore generale diffuso» commenta seria Luciana Littizzetto: «stiamo cercando di costruire un racconto leggero che parla di bellezza. Dall'anno scorso le cose sono molto diverse».

E lo spauracchio Grillo? Subito dopo l'episodio dei due uomini senza lavoro, Fazio rivela di aver scambiato un paio di parole con Beppe Grillo seduto tra il pubblico. «Mi ha detto ironicamente Adesso vedrai cosa ti faccio io, è stato sorprendentemente simpatico». Dopo il comizio fuori dall'Ariston, il leader del Movimento 5 Stelle non ha ostruito in alcun modo la gara canora: «sono lieto che alla fine abbia rispettato lo spettacolo» commenta Leone, il quale già ieri si era detto certo che non ci sarebbero state irruzioni.

Tra il tentato suicidio e il timore di un'incursione grillina, tanto materiale anche per Pif, autore dei video pre-festival. Dopo l'esordio dedicato alla città di Sanremo (apprezzato anche dalla vicesindaca Claudia Lolli: «tra parole tipiche e gastronomia ha dato un'immagine vera e calzante di quello che siamo»), Pif annuncia che «la puntata di stasera sarà particolarmente vispa e pimpante». Buon Festival.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Un piccolo favore Di Paul Feig Drammatico 2018 Ho bisogno di un piccolo favore. Mi puoi prendere Nicky a scuola? È questa la semplice, comune richiesta che l'affascinante Emily fa alla sua nuova amica Stephanie, prima di sparire senza lasciare traccia. Mamma single tuttofare, vlogger per passione... Guarda la scheda del film