Magazine Martedì 30 luglio 2002

L'America ci guarda (parte II)



Ricordando con un comizio in versi alla Eschilo che poesia è bellezza, e che la stessa bellezza è ora in pericolo, proprio lì a Lerici, in quella bellissima rada per un progetto di ampiamento del porto di La Spezia che potrebbe inquinare in modo irriversibile la qualità paesaggistica del luogo. Le parole sono forti e taglienti, l’invettiva è l’arma del poeta che denuncia di fronte a tutti i demoni del denaro e dell’ignoranza e la necessità di un risveglio autentico e collettivo al di là degli schemi politici, ideologici e filosofici del passato. La bellezza di Lerici appartiene solo agli Dei e a tutte le generazioni passate e future dei viventi.
L’evento poetico continua poi con la lettura dell’adesione all’evento dall’estero del grande poeta arabo Adonis. Seguono continui scrosci di applausi e poi la lettura dei testi del sottoscritto che invita al risveglio attraverso il viaggio, l’esplorazione, in un mondo dove tutto è implicitamente già visto e conosciuto, viaggiare è aprirsi al mondo e all’anima misteriosa delle cose. I testi vengono letti con recitazione drammatica anche in lingua inglese da Anne Lowndes.
Alla poesia s’alterna il canto del soprano Antonella Tronfi che prosegue con Lieder da Strauss e Wolf.
Nella seconda parte della serata si susseguono i poeti Luigi Olivetti, Gabriella Galzio e Lorenzo Scandroglio, che aderiscono al movimento mitomodernista e che tessono con parole, temi e gesti diversi la grande trama del Risveglio. La Galzio evocando la grande imago di Ishtar e del suo mito, Olivetti in un dettato poetico tutto intimo ed esistenziale e infine Lorenzo Scandroglio che esalta, con furore bruniano, la mistica simbiosi di morte, rinnovamento e rinascita nell’immagine mitica della Fenice.
Sigla il gran finale il poeta Angelo Tonelli con una serie di versi da toni aspri e duri che ricalca le orme dell’invettiva dantesca arrancando attraverso uno scenario apocalittico. Ma Tonelli è un apocalittico che getta sempre la speranza nella mischia e da questo, per appunto, l’importanza del Risveglio. Di grande incisività l’attacco contro poeti e poesia dei nostri tempi, la meschinità delle conventicole, il nichilismo dei linguaggi fini a se stessi, l’attacco diretto a nomi di pseudo-caposcuola e infine l’affiorare di nuova luce e nuova speranza. Tonelli è un poeta dalle tinte forti che riporta e rivaluta qualità arcaiche della/nella tradizione poetica: vaticinio e visionarietà. Qualità che possono forse aiutare il Risveglio – la comunione di individuo e società ad un livello più alto di coscienza e responsabilità. Tonelli sembra gridare al mondo come un sapiente sciamano: il mondo è bello perché è tutto vivo. E quindi la roccia sottomarina, l’onda che cresce, la stella marina che presenzia, il volto dei passanti, le voci di chi legge versi sono tutti vivi, belli e sacri come in un tempio.
Successo dell’evento e promessa di un nuovo appuntamento prossimo e venturo affinché il fuoco del Risveglio alimenti un destino di bellezza per Lerici, e nuovi e suggestivi orizzonti di pensiero per i lericini.

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Un piccolo favore Di Paul Feig Drammatico 2018 Ho bisogno di un piccolo favore. Mi puoi prendere Nicky a scuola? È questa la semplice, comune richiesta che l'affascinante Emily fa alla sua nuova amica Stephanie, prima di sparire senza lasciare traccia. Mamma single tuttofare, vlogger per passione... Guarda la scheda del film