La ragazza con l'orecchino di perla in mostra a Bologna - Magazine

La ragazza con l'orecchino di perla in mostra a Bologna

Mostre Magazine Domenica 9 febbraio 2014

La ragazza con l’'orecchino di perla di Jan Vermeer

Magazine - Da quando nel 2003 Scarlett Johannson ha vestito i suoi panni nell'omonimo film (a sua volta tratto dal romanzo di Tracy Chevalier), La ragazza con l'orecchino di perla è diventato uno dei dipinti più popolari del mondo. Certo, non è La Gioconda, eppure quello sguardo innocente e misterioso dipinto dall'olandese Jan Vermeer tra il 1665 e il 1666 è diventato capace di attirare l'interesse e la curiosità di milioni di persone, patite di arte o profane che siano.

Un aspetto, questo, che non sarà sfuggito a Marco Goldin, curatore della mostra La ragazza con l'orecchino di perla, che ha aperto i battenti ieri, sabato 8 febbraio, a Bologna, nelle sale di Palazzo Fava (via Manzoni 2). Dopo un'inaugurazione che più pop non si poteva (apertura fino a notte fonda, con tanto di musica dal vivo, conferenze e visite guidate), la mostra è ora visitabile fino al 25 maggio.

La ragazza con l'orecchino di perla (o La ragazza col turbante, come era universalmente conosciuto prima dell'exploit cinematografico) si trova solitamente al Mauritshuis dell'Aia, attualmente chiuso per lavori di ampliamento (riaprirà il 27 giugno 2014): quale miglior strategia di autofinanziamento, per il museo, che un tour mondiale del suo fiore all'occhiello? Tra il 2012 e il 2013 il quadro di Vermeer è stato esposto in Giappone e in giro per gli Stati Uniti (ultima tappa alla Frick Collection di New York). Ora, grazie all'intraprendenza di Marco Goldin, è approdato a Bologna prima del ritorno definitivo nei Paesi Bassi.

La mostra in corso a Palazzo Fava include anche altre 36 opere del Seicento olandese (la Golden Age, come recita il sottotitolo) prese in prestito dal museo dell'Aia, tra cui quattro Rembrandt e un altro Vermeer. Questo per i nuovi barbari, per dirla con Alessandro Baricco. Per i più navigati consumatori d'arte, in mostra ci sono anche opere di Frans Hals, Jan Steen, Gerard Ter Borch, Meindert Hobbema, Gerard Van Honthorst.

Inutile dire che è previsto un boom di visite e che, prima di partire per Bologna è consigliabile prenotare: lo si può fare attraverso il sito www.lineadombra.it oppure chiamando il numero 0422 429999. I biglietti singoli costano 13 Eu (1 Eu in meno senza prenotazione): qui tutte le info su orari, offerte e riduzioni.