Magazine Venerdì 31 gennaio 2014

Henning Mankell: «ho il cancro e lo racconterò con le mie parole»

Henning Mankell

Magazine - «Ho deciso quasi subito di scriverne. Voglio raccontare il cancro così com'è. Ma lo farò dal punto di vista della vita, non della morte. Lo farò qui e più avanti anche sul giornale svedese Göteborgs-Posten. Ho appena cominciato a farlo».
Così lo scrittore svedese Henning Mankell ha dichiarato di avere il cancro sul suo sito web con un post del 29 gennaio. E ha espresso l'intenzione di raccontare la malattia attraverso la letteratura.

Mankell, 65 anni, è noto al pubblico internazionale soprattutto per la saga sul commissario della polizia di Ystad, Kurt Wallander. Grazie al primo dei polizieschi su Wallander, Assassino senza volto, ha vinto il Glasnyckeln, letteralmente chiave di vetro, il premio per i migliori gialli dei paesi scandinavi.

Mankell si era recato a Stoccolma un paio di settimane prima del fatidico post, per incontrare un ortopedico. Aveva in mano una diagnosi di ernia del collo ma, sfortunatamente, è tornato a Göteborg con la consapevolezza di avere un cancro alla nuca e al polmone sinistro.
«Sto facendo gli ultimi esami prima che sia deciso il trattamento cui dovrò sottopormi. Sono profondamente in ansia, sebbene riesca tutto sommato a tenerla sotto controllo», scrive ancora Mankell sul suo sito.

La sua è una storia drammatica ma al contempo di consapevolezza e di coraggio. Gli appassionati del commissario Wallander potranno infondergli speranza, qualora dovesse scemare, grazie al sito su cui ha promesso di raccontare tutto.

di Sabrina Colandrea

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione