Magazine Giovedì 2 gennaio 2014

«Ho una storia con un uomo più grande. Che in pubblico si vergogna di me»

Maria Schneider e Marlon Brando in una scena di Ultimo tango a Parigi

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Salve,
ho una relazione da circa sei mesi con un uomo di 20 anni più grande di me.
Ci siamo conosciuti on line e prima di vederci ci siamo scritti ( mai visti) a lungo, mi ha attratto di lui molto la condizione mentale e il feeling che subito ho sentito esserci tra noi, dopo esserci incontrati anche l'attrazione fisica è diventata parte integrante della nostra storia, abbiamo ovviamente condizioni di vita molto diverse lui esce da un matrimonio durato a lungo con due figlie poco più piccole di me, io vivo ancora con i miei.

Non abbiamo mai definito il nostro rapporto, non si capisce se siamo una coppia, due amici, due conoscenti, non si sa...
Questo poco mi importa, la cosa che non capisco è se lui si vergogna a prescindere di noi, quando siamo soli è molte dolce, premuroso e caloroso, ma in pubblico a fatica mi sfiora e lo sento lontano, non so come comportarmi.

Dovrei parlargliene o aspettare che lui si senta a suo agio in questa situazione?
Grazie mille,

Xane

Cara Xane,
non credo che un uomo che ha vent'anni più di te abbia bisogno di «sentirsi a suo agio». Credo, dato che come sempre sono in volo cieco perché non mi hai dato tanti elementi, che ci siano solo due possibilità.
E nessuna è piacevole
, ma non ho modi meno brutali per insinuarti il dubbio.

La prima è che sia ancora sposato e vi vediate in un appartamento di cui lui si serve per queste occasioni; sono certa che sarai in grado di verificare o di cogliere eventuali altri segni.
La seconda è che lui non desideri impegnarsi sul serio.

Non so chi frequentiate insieme: ti ha fatto conoscere i suoi amici, per esempio? Da ciò che scrivi posso solo dedurre che non sia follemente innamorato, che sia consapevole della vicinanza d'età tra te e le sue figlie e che questo lo imbarazzi.

Spesso succede che la prima storia dopo una separazione sia una sorta di storia di transizione che serve a uomini e donne per, diciamo, riprendere fiato.
Purtroppo non mi dici neppure quanti anni avete, quindi non sono davvero in grado di fare altre ipotesi.

Se vuoi riscrivimi con qualche particolare in più. E ricorda che il mondo della rete è assai insidioso: tutti si presentano meglio di quanto siano in realtà. Lo si fa nella vita, figurarsi in un mondo libero all'apparenza, in cui nessuno sa davvero niente di te.

Quindi prima cerca di essere sicura che lui sia davvero separato o divorziato, poi affronta il discorso nel modo più adulto possibile, chiedendo spiegazioni.

Ciao Xane, ti auguro un buon anno, malgrado le previsioni funeste e lo auguro a tutte le lettrici e i lettori,

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Le beau Serge Di Claude Chabrol Drammatico Francia, 1958 Dopo dieci anni di assenza, François ritorna nella sua città natale, nella Creuse, e da Serge, amico d’infanzia che è diventato alcolista a causa del fallimento delle sue ambizioni. Benché sposato con Yvonne, Serge smania... Guarda la scheda del film