Magazine Martedì 19 novembre 2013

«Mia sorella è oppressa dal marito». La posta del cuore

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Ciao Antonella,
ti scrivo perché non so cosa fare per un problema in famiglia. Mia sorella è sposata da quasi due anni con il ragazzo che ha dal liceo. Si sono sposati dopo quasi dieci anni di fidanzamento e dopo una convivenza piuttosto lunga.

Qualche anno fa mia sorella ha tradito il fidanzato: l'abbiamo vissuta e ce l'ha spiegata come una forma di ribellione: dopo tanti anni con lo stesso ragazzo si sentiva in gabbia e voleva trovare una sua dimensione diversa.
In casa ci siamo spaccati: i miei genitori non hanno accettato questa cosa e l'hanno vissuta molto male. Io invece credo che abbia fatto bene questa boccata d'ossigeno, tanto più che aveva appena trovato un nuovo lavoro dopo l'università ed era giusto che si facesse la sua strada dandoci un taglio con la vita da ragazzina.

Poi però mia sorella è tornata sui suoi passi e si è rimessa con il fidanzato. A quel punto, lui le ha chiesto di sposarla e si sono sposati.

Lui da quel momento la ha in pugno: le ha fatto lasciare il lavoro (lui ne ha uno ottimo che la può mantenere) e lei apparentemente è contenta.
Non hanno figli anche se parlano di averne. Secondo me però mia sorella non è contenta, perché da ingegnere poco ce la vedo a fare la casalinga e avrebbe bisogno di trovare una sua dimensione più staccata dal marito.

Io non le ho detto nulla, ma sento che dovrei. Anche perché ho scoperto che lei ha iniziato a sentire di nuovo il suo ex ragazzo, anche se non credo che sia successo ancora qualcosa.
Che faccio? Faccio finta di niente e le reggo il gioco oppure le parlo? Ho paura di creare dei problemi, anche perché se rimanesse da sola non sarebbe per lei facile trovare di nuovo lavoro,

Alberto

Caro Alberto,
l'unica persona con cui devi parlare è tua sorella. È facile immaginare che il marito la ricatti con il vecchio tradimento e giustifichi la clausura in questo modo, ma non ne saremo sicuri finché non ti sarai fatto raccontare tutto da lei.

Ovviamente sono d'accordo con te sulla boccata d'aria e lei sa qual è la tua posizione.
Quindi parlale, senza farle interrogatori, cercando di ascoltarla il più possibile.
Se necessario metti le carte in tavola sulla storia del suo ex e cerca di capire com'è esattamente la situazione.
Poi aiutala qualunque sia la sua decisione
.

Le mogli sono tutelate in Italia, quindi avrà di che mantenersi (a meno che il marito frodi il fisco e le denunce dei redditi siano molto basse) mentre cerca un lavoro.

Le vuoi bene, quindi schierati dalla sua parte, cerca di aiutarla a riprendersi l'indipendenza prima di ricorrere a soluzioni drastiche o, peggio, rifugiarsi nell'evasione con uno che sappiamo già che non va bene.

Sostienila nella battaglia per i diritti elementari, cerca di portare un po' di leggerezza in una vita che mi pare piuttosto cupa, sperando che non sia già troppo tardi.

Ciao,

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Bohemian rhapsody Di Bryan Singer Biografico, Drammatico, Musicale U.S.A., Regno Unito, 2018 Un racconto realisto ed elettrizzante degli anni precedenti alla leggendaria apparizione dei Queen al concerto Live Aid nel luglio del 1985. Guarda la scheda del film