Concerti Magazine Lunedì 1 luglio 2002

Il nuovo disco degli Oasis

Magazine - Anticipato dai due singoli The hindutimes e Stop crying your heart out è uscito in questi giorni Heaten Chemistry, ultimo album di inediti dopo Standing on the shoulders of the giants del 2000.
Diciamolo chiaramente: per chi odia gli Oasis, questo disco non è altro che un altro buon motivo per continuare a farlo. Le undici tracce (sei di Noel Gallagher, tre del fratello Liam e le due restanti divise salomonicamente tra i due nuovi componenti della band entrati dopo la sofferta produzione di Standing...) non dicono nulla di particolarmente nuovo rispetto al passato e già i due singoli passati in radio lo avevano chiaramente fatto capire.

Altro discorso per chi gli Oasis li segue da anni e a modo suo – con distacco o maniacale attaccamento (magari a seconda del momento) – li apprezza. Le undici tracks (di cui una strumentale del bassista Andy Bell) sono nel più classico stile Oasis, con riferimenti beatlesiani che a seconda del momento si spostano verso atmosfere più rock o più acustiche. Liam in certi momenti scopiazza il “cugino” Richard Ashcroft (niente di male se impara a cantare :-) e c’è un po’ più di equilibrio con le tastiere, che in Standing... erano in certi punti logorroiche e strabordanti.
La nuova band, che già dal vivo aveva dimostrato di essere abbastanza affiatata, qui dimostra di essersi amalgamata bene negli ultimi due anni: da considerare il fatto che alla voce “produced by” il solito “Noel Gallagher” è sostituito da “the band”. Spinta della casa discografica o reale ridimensionamento del ruolo del fratello maggiore (che personalmente non ci ha mai infastidito)? Probabilmente la seconda, anche se paradossalmente si sente in alcuni pezzi (vedi Little by little o She is love) una atmosfera da b-side (che personalmente ritengo la migliore espressione degli Oasis, meno commerciale e più ricercata) che è sempre stata feudo di Noel.

Gli Oasis ancora una volta non dicono nulla di nuovo... ma lo fanno molto bene.


Simone Nocentini

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Il castello di vetro Di Destin Daniel Cretton Drammatico U.S.A., 2017 Una giovane donna di successo è cresciuta accudita da genitori anti-conformisti, una madre eccentrica e un padre alcolizzato. Il padre, vivendo nella povertà più assoluta a causa del suo licenziamento, distraeva i suoi figli raccontando... Guarda la scheda del film