Magazine Lunedì 7 ottobre 2013

H. D.: Fine al tormento. A cura di Massimo Bacigalupo

Hilda Doolittle, fu legata Ezra Pound da amicizia e sensibilità letteraria

Magazine - Fine al tormento. Ricordando Ezra Pound (Archinto 2013, pp. 221, 20 Eur) è la nuova edizione curata da Massimo Bacigalupo, critico e docente all'Università di Genova, di End to Torment, il memoriale di Hilda Doolittle, conosciuta come H. D., per Ezra Pound, corredato, inoltre da materiale che ricostruisce la relazione tra i due. 

Amicizia, affetto, sensibilità letteraria accomunano questi interpreti dell'avanguardia modernista nonché voci di rilievo del panorama poetico del Novecento.
Hilda decide di dedicare all'amico un memoriale in forma di diario dal titolo Fine al tormento, composto sotto la guida di uno psichiatra e fatto di flash back attraverso cui compie un viaggio nella memoria.
Un'impostazione cara all'autrice che scrisse I segni sul muro rivolto a Sigmund Freud di cui fu paziente.

Siamo nel 1958. Inutile immaginare la reazione di Ezra Pound quando, appena uscito da un ospedale psichiatrico americano, lesse quelle pagine cariche di sentimento: scrisse a Hilda alcune lettere pubblicate nel libro curato da Bacigalupo e che arrichiscono l'edizione uscita nel 1994.
Il volume per la prima volta presenta anche Libro di Hilda (1907) che comprende le poesie dense di tenerezza di Ezra Pound dedicate alla scrittrice.

di Martina Pagano

Potrebbe interessarti anche: , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male

Oggi al cinema

Momenti di trascurabile felicità Di Daniele Luchetti Commedia Italia, 2019 Lo yoga e l’Autan non sono in contraddizione? La luce del frigorifero si spegne veramente quando lo chiudiamo? Perché il primo taxi della fila non è mai davvero il primo? Perché il martello frangi vetro è chiuso spesso dentro una bacheca di vetro?... Guarda la scheda del film