Concerti Magazine Sabato 21 settembre 2013

Roberto Vecchioni candidato al Nobel. «La canzone una forma d'arte»

Magazine - «Sono onorato, emozionato e sorpreso per questa nomination al Nobel che va ben oltre qualsiasi aspettativa personale. Quando mi hanno avvisato dal Corriere della Sera pensavo a uno scherzo».
Passa per la sua pagina Facebook lo stupore di Roberto Vecchioni per la candidatura al Premio Nobel 2013 per la Letteratura. Una candidatura davvero inaspettata, giunta a sorpresa nella mattinata di ieri.

Dopo il Nobel assegnato a Dario Fo per la sua inesausta ricerca teatrale, gli accademici di Svezia potrebbero essere dunque orientati a intendere ancora una volta la Letteratura nel senso più ampio, dando per la prima volta dignità letteraria a una forma espressiva ritenuta minore, quella della canzone d'autore.

Una scelta che, se sarà confermata, darà senza dubbio il via a vivaci polemiche e contestazioni sia sul piano estetico e teorico, sia sull'opportunità di avviare tale inedito orientamento con l'opera di Vecchioni, a discapito della grande tradizione cantautorale statunitense dei folksingers alla Dylan o alla Cohen che tanta parte hanno giocato nella formazione del cantautorato italiano.

«Mi dicono che siano state considerate soprattutto le canzoni che quasi nessuno conosce, un lavoro di 50 anni sulle parole, la loro bellezza e sui sentimenti, nel tentativo di andare al di là del banale e dell’ovvio - spiega Vecchioni su Facebook - Naturalmente ne sono felice, ma ancor più sono felice che anche la canzone d’autore italiana sia riconosciuta finalmente come una forma d’arte, diversa si, ma con pari dignità di altre espressioni letterarie».

L'ultima grande apparizione pubblica di Roberto Vecchioni risale al 2011, quando il cantautore milanese s'impose al Festival di Sanremo con la sua Chiamami ancora amore, un'autentica lezione di stile alle giovani leve della musica leggera italiana.
Un Festival vinto alla soglia dei settant'anni: senza negare se stesso, dopo aver vestito l'eskimo della contestazione, gli abiti del successo commerciale e i toni dimessi degli ultimi dischi un po' appannati.

La decisione sull'assegnazione del Premio Nobel sarà resa pubblica, al solito, nel prossimo mese di dicembre. E, ovviamente, la candidatura di Roberto Vecchioni non è ufficiale, come non la è mai nessuna posizione tra quelle al vaglio dell’Accademia di Svezia.
Secondo i bookamers, il più papabile per il Nobel 2013 è però il giapponese Haruki Murakami, dato 3 a 1.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Darkest Minds Di Jennifer Yuh Nelson Fantascienza U.S.A., 2018 Dopo che una malattia sconosciuta ha ucciso il 98% dei bambini, il 2% dei sopravvissuti sviluppa misteriosamente dei superpoteri. Proprio a causa delle loro straordinarie abilità, i ragazzi vengono dichiarati una minaccia dal governo e rinchiusi in campi... Guarda la scheda del film