Magazine Martedì 3 settembre 2013

«A 76 anni mi sento un Don Giovanni. E i miei figli mi criticano»

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Cara Antonella,
ho 76 anni e sono vedovo da parecchio tempo. Da quando mia moglie è morta ho avuto altre donne.
Io vorrei un rapporto serio e intimo ma mi sono sempre sentito rifiutato. Le signore mi dicono che alla nostra età non si fanno più certe cose. Quindi mi sono sempre accontentato di qualche effusione.

Sono io che sbaglio? Mi sembra che non chiedo niente di male.
Poi ci si mettono anche i miei figli, sposati con famiglia. A loro non dico nulla di queste cose ma sanno che ho avuto delle storie e mi dicono che mi dovrei vergognare perché sono un nonno e che non è bello alla mia età pensare alle donne.

Cosa posso fare? Io mi sento ancora bene, perché debbo rinunciare alla vita solo perché ho 76 anni?
Ti ringrazio,
Peppe


Caro Peppe,
ti prego, dimmi che sei vero! Dimmi che non sei uno scherzo, che davvero navighi sul web alla ricerca di un'anima gemella o di una risposta dalla Posta del cuore!
Già, è questo che mi sorprende: che tu abbia tanta confidenza con un mondo difficile da avvicinare per i tuoi coetanei e che te ne serva con tanta disinvoltura. Complimenti.

E, già, non mi sorprende affatto che tu abbia dei desideri considerati poco ortodossi solo in Italia e solo per i vedovi, ché vorrei vedere come vivono la sessualità le copppie sposate o conviventi.
No, lo so già: come tutti, serenamente e attivamente se il rapporto è buono.

Assodato che tutto questo è assolutamente normale, direi sin un diritto dell'uomo e della donna, che i figli non devono impicciarsi (ma ricorda che li hai educati anche tu, quindi non sei estraneo alla loro ristrettezza di vedute), ti confermo che non devi rinunciare a niente.

Continua sereno a cercare una relazione appagante sotto tutti i punti di vista e lasciati dare un consiglio solo: agisci con un po' più di prudenza, sii meno avventato. Aspetta che la relazione si sia consolidata un pochino prima di «andare al sodo».

Se invece vuoi solo il «sodo» e non una relazione, sarà parecchio più difficile, ma non arrenderti.
E casomai cambia giro di amicizie, potresti trovare persone più aperte.

Ciao,

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Lontano da qui Di Sara Colangelo Drammatico 2018 Lisa Spinelli è una maestra d'asilo con la passione per la poesia, tanto che i suoi figli ormai quasi adulti la trovano trasformata dalle lezioni che sta seguendo e il marito sente di essere un po' trascurato. Lisa non è di per sé... Guarda la scheda del film