Magazine Giovedì 1 agosto 2013

Il Decameron diventa social. In cento tweet

La novella di Nastagio degli Onesti nel dipinto Di Botticelli

Magazine - Come sarebbe stato il Decameron di Boccaccio nell'era 2.0? Ci ha pensato MadreLingua, il trimestrale della Società Dante Alighieri, che ha avviato l'iniziativa Il Decameron in 100 tweet

Quest'anno ricorrono i 700 anni dalla nascita del poeta toscano, ma è anche il 640esimo anniversario della sua pubblicazione delle Esposizioni sopra la Comedia di Dante. Boccaccio fu, infatti, il primo biografo di Dante e colui che ribattezzò la Commedia divina.
La Dante, istituzione fondata da Giosuè Carducci nel 1889, vuole ricordare uno dei padri della lingua italiana in maniera insolita e divertente, nello spirito del Decameron e del suo autore.
Per l'occasione da giovedì 1 agosto è partito un contest su twitter aperto a tutti. Sulla piattaforma della Società https://twitter.com/la_dante (hashtag #14000DBsi possono pubblicare ogni giorno per 100 giornate, due tweet o twoosh (un tweet perfetto di 140 caratteri) che riassumono una novella, sia in versione narrativa sia in chiave metrica

Scopo del progetto è riscrivere il Decameron in 14 000 caratteri. Le sintesi meglio riuscite oppure le più apprezzate sui social della Dante, tra cui anche la pagina Facebook, verranno premiate durante un evento a novembre con un dizionario Devoto Olli e la tessera della Società Dante Alighieri 2014

Il profilo twitter della Dante ha da subito accolto l'entusiasmo degli utenti. Qualcuno ha già incominciato a inviare le proprie versione delle novelle del Decameron concentrate in circa 140 caratteri.
Largo, dunque, alla creatività e alla riscoperta di una delle opere più significative della nostra letteratura.  

di Martina Pagano

Potrebbe interessarti anche: , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca

Oggi al cinema

Vogliamo vivere! Di Ernst Lubitsch Commedia, Guerra U.S.A., 1942 Joseph Tura (Jack Benny) e la moglie Maria (Carole Lombard) dirigono una compagnia teatrale polacca, rimasta senza lavoro dopo l'occupazione tedesca del '39. Quando il tenente Sobinski (Robert Stack), spasimante di Maria, chiede loro aiuto per la causa... Guarda la scheda del film