Magazine Mercoledì 17 luglio 2013

Addio a Vincenzo Cerami. È lutto nel cinema

Magazine - È un altro pezzo del cinema italiano che se ne va. Si è spento oggi a Roma, a 73 anni, lo sceneggiatore Vincenzo Cerami, autore di alcune pagine memorabili del nostro cinema degli ultimi quarant'anni.
Sua la scrittura dietro a un film premio Oscar come La vita è bella (1997), giudicato dall'Academy miglior film straniero nel 1999 per la mano dietro alla macchina da presa di Roberto Benigni: Cerami, pur candidato, non si portò a casa la statuetta, ma senza quella storia sempre in bilico tra riso amaro e tragedia, è difficile pensare a un'affermazione tanto netta dell'istrione toscano.

Allievo di Pier Paolo Pasolini (del quale fu aiutante alla regia e di cui sposò la cugina), Cerami debutta come scrittore come un romanzo diventato simbolo di una certa Italia, Un borghese piccolo piccolo (1976) ritratto impietoso di un manierato travet ministeriale e della sua caduta nella più animalesca e brutale violenza. Ne uscì immediatamente un film di successo di Mario Monicelli con Alberto Sordi.
Nel frattempo Cerami macinava la scrittura per pellicole di genere: dopo il debutto dietro alla macchina da presa al fianco di Pasolini, Cinecittà voleva i western. E la penna di Cerami sapeva darglieli: Il pistolero dell'Ave Maria, L'odio è il mio Dio, Il pistolero cieco.

Poi, sulla scorta del successo letterario e del film di Monicelli, arrivano gli anni Ottanta e la collaborazione con Marco Bellocchio, Gianni Amelio, Giuseppe Bertolucci, Ettore Scola. E Benigni, l'istrione con cui nel 1988 dà vita al Piccolo diavolo. Seguirà un sodalizio ventennale, tra gli spettacoli di TuttoBenigni e le sceneggiature per il cinema, da La vita e bella fino all'ultimo La Tigre e la neve (2005).

«Ragazzi, leggete Don Chisciotte», ci aveva detto l'ultima volta che l'abbiamo incontrato a Genova.

Da tempo malato, Cerami appena un mese fa ai David di Donatello era stato insignito di un premio alla carriera.

di Matteo Paoletti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Alpha Un'amicizia forte come la vita Di Albert Hughes Azione, Drammatico, Thriller U.S.A., 2018 Dopo una battuta di caccia finita male, un giovane uomo delle caverne lotta contro una serie di ostacoli per ritrovare la strada di casa. Un’emozionante storia di crescita ed iniziazione arricchita dal forte rapporto tra il protagonista e un lupo. Guarda la scheda del film