Magazine Martedì 2 luglio 2013

Cultura, in Italia è crisi. Di consumi e di idee. Il rapporto di Federculture

Il David di Michelangelo. Firenze è una delle poche città d'arte a crescere rispetto al 2011

Magazine - La crisi picchia sui consumi, e anche quelli culturali non fanno eccezione: nel 2012 la spesa per cultura e ricreazione delle famiglie italiane segna un -4,4%. Si va meno a teatro, si leggono meno libro e si disertano le mostre e i musei, che perdono in un anno il 10% dei visitatori. E come ha dimostrato il semi-flop del concerto a prezzi stellari di Bruce Springsteen in piazza del Plebiscito, a Napoli, gli italiani vanno anche meno ai concerti: - 8,7%.

È un ritratto a tinte fosche quello che esce dal Rapporto di Federculture, lo studio che come ogni anno fotografa lo stato dei consumi culturali nel nostro paese. La relazione, a cura della principale associazione che rappresenta le più importanti aziende culturali del Paese, raccoglie ed elabora i dati di Regioni, Province, Comuni, e di tutti i soggetti pubblici e privati impegnati nella gestione dei servizi legati alla cultura, al turismo, e al tempo libero.

Eppure non è solo la crisi ad abbattere i consumi culturali, se è vero che i 36 milioni di visitatori dei musei statali di tutta Italia superano di poco i musei della sola Londra (anch'essi pure in calo). Il problema è di sistema.
Come denunciato dal presidente di Federculture, Roberto Grossi, «Siamo in un tunnel: c'é una totale assenza di fiducia, anche tra gli operatori, a causa di leggi stupide». Oltre, ovviamente, a una imbarazzante miopia della classe dirigente. Continua Grossi: «La colpa è di un'assenza totale di programmazione e di una politica debole che allontana i privati».

Scorrendo i saggi e gli indici statistici pubblicati da Federculture, emerge un'Italia in fortissimo affanno anche sul fronte dei Beni Culturali. E pensare che appena un anno fa il Rapporto 2012 sull'Industria culturale in Italia pubblicato da Symbola e Unioncamere definiva entusiasticamente - e a ragione - la cultura come il vero petrolio dell'Italia, capace di produrre il 4,9% del Pil, occupare 1.400.000 persone (il 5,6% del totale) e coinvolgere 400.000 imprese, per un controvalore economica pari a 76 miliardi di euro.

A fronte di un incremento del 25,4% tra il 2002 e il 2011, nel solo 2012 la spesa per cultura e ricreazione delle famiglie italiane è crollata, segnando un -4,4%.
Per rendere un'idea del calo a livello geografico, un buon esempio lo danno i dati relativi ai visitatori nei musei civici. Tra le grandi città, maglia nera è Bologna, con un -17,7%, seguita a ruota da Torino -14,7%, mentre reggono il colpo le città d'arte molto frequentate dai turisti: se si eccettuano le performance negative di Roma (-6.3%) e di Milano (-5.7%), Firenze e Venezia riescono a chiudere l'annus horribilis 2012 con un ottimo incremento, rispettivamente del 8.3% e del 4.8%.
Genova segna invece una leggera flessione: - 0.9%.

di Matteo Paoletti

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Il tuo ex non muore mai Di Susanna Fogel Commedia U.S.A., 2018 Due amiche del cuore si ritroveranno improvvisamente e involontariamente coinvolte in un roccambolesco complotto internazionale. La causa di tutto? Un ex... come al solito! L’ex fidanzato di Audrey, spia in incognito, ritorna dal passato in cerca... Guarda la scheda del film