Concerti Magazine Lunedì 1 luglio 2013

Lady Gaga, inno gay al Pride di New York. Il video

Lady Gaga canta l'inno nazionale statunitense sul palcoscenico del NY City Pride 2013

Magazine - La militanza di Lady Gaga a sostegno della comunità Lgbt è nota da tempo: due anni la popstar statunitense era stata una delle protagoniste dell'Europride di Roma. Un'esibizione che aveva lasciato il segno.

Ma per il NY City Pride Rally 2013 di New York, miss Germanotta ha fatto le cose ancora più in grande, almeno a livello simbolico: abbandonato il baracconesco e spettacolare apparato del suo Born This Way Ball tour, Lady Gaga ha cantato l'inno nazionale americano reggendo la bandiera arcobaleno simbolo delle battaglie per i diritti civili.

Uno The Star-Spangled Banner con qualche verso adattato per l'occasione e giunto alla fine di un'orazione di sostegno alla parità di diritti, a poche ore dai primi matrimoni gay in California e mentre anche a Milano si svolgeva la parata dell'orgoglio gay.

«Non siamo una nicchia, siamo una grande parte dell’umanità - ha spiegato Lady Gaga, dichiaratamente bisessuale - e credo che sia tempo che le strade siano sicure. Chiedo la salvaguardia dei nostri diritti».

L'esibizione di Lady Gaga ha segnato il suo ritorno in pubblico dopo che nei mesi scorsi la cantante aveva dovuto interrompere il suo Born This Way Ball tour
a causa di un infortunio all'anca che l'aveva costretta a sottoporsi a un intervento chirurgico.

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Il complicato mondo di Nathalie Di David Foenkinos, Stéphane Foenkinos Drammatico 2017 Nathalie Pêcheux è una professoressa di lettere divorziata, cinquantenne in ottima forma e madre premurosa finché non scivola verso una gelosia malata. Se la sua prima vittima è la figlia di diciotto anni, Mathilde, incantevole... Guarda la scheda del film