Magazine Giovedì 13 giugno 2013

Premio Strega 2013: proclamata la cinquina finalista

Alessandro Perissinotto, in finale con 'Le colpe dei padri'

Magazine - Nella serata del 12 giugno, alla fondazione Maria e Goffredo Bellonci di Roma, gli 'amici della domenica' hanno decretato la cinquina finalista del Premio Strega, il più alto riconoscimento letterario italiano.

I 408 su 460 votanti hanno eletto gli sfidanti che si contendono la vittoria del 4 luglio: Le colpe dei padri (Piemme) di Alessandro Perissinotto (voti 69), Resistere non serve a niente (Rizzoli) di Walter Siti (voti 66), Figli dello stesso padre (Longanesi) di Romana Petri (voti 49), Mandami tanta vita (Feltrinelli) di Paolo Di Paolo (voti 45), Nessuno sa di noi (Giunti) di Simona Sparaco (voti 36).

Allo stato attuale, il romanzo del torinese Alessandro Perissinotto potrebbe riuscire ad aggiudicarsi il titolo, mentre tra i grandi esclusi ci sono Aldo Busi con El especialista de Barcelona (Dalai) che ha ricevuto solo 18 voti e Sofia si veste sempre di nero (Minimum Fax) di Paolo Cognetti, uno dei romanzi più apprezzati di quest’anno.

I cinque finalisti partono il 14 giugno per un tour che li vede protagonisti al Festival Letterature alla Basilica di Massenzio a Roma, ad Aspettando Giffoni 2013 il 27 giugno ad Avellino e a Caffeina Cultura il 2 luglio a Viterbo.

Non resta che attendere la proclamazione del vincitore che avverrà il 4 luglio nella storica sede del Ninfeo di Villa Giulia a Roma.

di Martina Pagano

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

The children act Il verdetto Di Richard Eyre Drammatico 2017 Giudice dell'Alta Corte britannica, Fiona Maye è specializzata in diritto di famiglia. Diligente e persuasa di fare sempre la cosa giusta, in tribunale come nella vita, deve decidere del destino di Adam Henry, un diciassettenne testimone di Geova... Guarda la scheda del film