Magazine Giovedì 9 maggio 2002

Passaggi tra Genova e l'Europa

Magazine - Una buona notizia: torna Passaggi. Tra fine maggio e inizio giugno sarà nuovamente in libreria la rivista letteraria (una letteratura da intendersi in senso lato) genovese. L'ultimo numero, Pornografia, risale al 1999, ed era stato stampato dall' . «Un grande numero» ricorda Marcello Danovaro, uno degli animatori della rivista. «Avevamo ricevuto molti consensi, alla Feltrinelli di via XX avevamo venduto più di , uno degli interventi era stato ripreso nella pagina centrale di cultura di Repubblica». Segno che Passaggi aveva colto nel segno. «Ci è stata riconosciuta da più parti la capacità di individuare temi forti, saper selezionare gli interventi e articolarli all'interno del numero in modo da creare un percorso dialettico. Quello in cui siamo sempre stati insufficienti è stato l'aspetto del management».

Una pecca che adesso è stata risolta. La rivista verrà pubblicata dall' e avrà cadenza semestrale. Il prossimo numero sarà dedicato alle "visioni", e vede la partecipazione di Schwartz, , Canevacci, Moresco, , …

Ma la rivista è solo uno dei progetti portati avanti dall'omonima associazione a cui fa capo. L'associazione culturale Passaggi, costituita nel 1996 da Massimo Pastorelli, Cristiano Ghirlanda, e Paolo Argeri, organizza a Genova, dal 1999, la Biennale Europea delle Riviste Culturali. «La prima edizione è stata un exploit clamoroso», racconta Danovaro, «ha avuto grande rilievo sulla stampa e ha ottenuto il sostegno della Comunità Europea. Sostegno che è venuto a mancare, per problemi organizzativi, nell'edizione del 2001». Un'edizione (svoltasi dal 4 al 16 luglio) improntata alla discussione dei temi evocati dall'imminente G8. Dagli interventi dei relatori nasce oggi un libro pubblicato da , Globalizzazione e nuovi conflitti. 34 visioni di un mondo possibile. I nomi sono di assoluto rilievo: si va da Rigoberta Menchù a Noam Chomsky, da Nyoorgah Mudrooroo a Jeremy Brecher, da Enrico Baj a Mario Botta. Il libro testimonia la bontà dell'iniziativa, «eppure Genova ha difficoltà a sostenerla. Una Biennale di riviste culturali è sicuramente di settore. Ma in Europa sono censite 20000 riviste: ciò significa che ce ne sono almeno 40000». L'idea alla base della Biennale è quella di confrontare e mettere in rete i segnali captati dalle varie riviste sparse per l'Europa, di creare un orizzonte culturale comune, «ma partendo dal basso, dagli umori e dalle spinte locali».

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Se son rose Di Leonardo Pieraccioni Commedia Italia, 2018 Cosa succederebbe se qualcuno mandasse di nascosto alle tue ex dal tuo cellulare: "Sono cambiato. Riproviamoci!"..? È quello che accade a Leonardo Giustini giornalista che si occupa di tecnologia e innovazione per il web. Sua figlia, stanca di vedere... Guarda la scheda del film