Weekend Magazine Venerdì 3 maggio 2002

Senza auto è meglio

Un’altra domenica ecologica è alle porte. E speriamo che non continui a diluviare.

Una giornata per celebrare il buon Garibaldi che ben centoquarantadue anni or sono, partì dallo scoglio di Quarto alla volta della Sicilia.

Le celebrazioni partiranno proprio da lì, con le musiche della Banda di Cornigliano e cerimonie varie (ore 9.30), per poi passare a Villa Garibaldi (via Sartorio 1), dove verrà offerto il rinfresco a tutti i presenti.

Contemporaneamente in centro città aprirà in misura straordinaria il Museo del Risorgimento Via Lomellini dove, dalle 14 alle 16, si potrà partecipare alle visite guidate dal tema Quarto e dintorni. La spedizione dei mille, con tanto di figuranti in costume d’epoca. E fuori dal museo saranno presenti concerti bandistici e spettacoli “risorgimentali”.

Ma lasciando da parte camicie rosse e dintorni, il grosso evento in programma per la prossima domenica coinvolge il centro storico con animazioni e musica targata anni Trenta dalle 15 in poi. I musicisti della jazz band Fausto Rossi daranno vita a un concerto dixieland itinerante tra il chiostro delle Vigne, Piazza Lavagna, fino ad arrivare in piazza della Meridiana.

«Tavoli con figuranti impegnati a giocare a carte e a scacchi che ivitano i passanti a unirsi alla compagnia. Domenica vogliamo far sentire a casa chi visita i vicoli». Mi racconta costumista membro del civ, «un esperimento con il quale tentiamo di far arrivare la gente nel “triangolo oscuro” della città vecchia, dove di solito turisti e cittadini non vicolari s’inoltrano difficilmente».

E a partire dalle 15, in Piazza Campetto, verrà srotolato un fiume lungo trenta metri, fatto di stoffa azzurra che in mano a decine di persone si inoltrerà per le vie più sconosciute della Genova antica.

«La collaborazione tra CIV e Comune ha portato alla realizzazione di questa iniziativa che proseguirà nei mesi prossimi con Genova Estate», spiega l’assessore Anna Castellano, «non è quindi un’operazione fine a se stessa ma un progetto che stiamo promovuendo con un’operazione capillare portando i depliant informativi di porta in porta. La rivitalizzazione del centro storico deve partire dal basso, da chi ci vive, e questa iniziativa lo dimostra».

E la giornata si svolgerà allegramente anche nei musei genovesi con molte entrate gratuite come nel caso delle Gallerie di Palazzo Bianco e Rosso (Via Garibaldi), il museo di Storia Naturale Doria (Via Brigata Liguria,9), il museo d’Arte Contemporanea di Villa Croce (Via Ruffini,3), il Museo d’Arte Orientale (Villetta Di negro) e il Museo di Sant’Agostino (piazza Garzano). Mentre la mostra della pittura genovese all’Ermitage a Palazzo Ducale, si potrà visitare con il biglietto ridotto a 3 Euro e di riduzione si parla anche per il Padiglione del Mare e della Navigazione visitabile al prezzo di 4 Euro.

Per quanto riguarda altri appuntamenti di cui approfittare in questo week-end senza macchine, vi segnalo la Gran Maratona musicale, suoni da tutto il mondo in Via Fiasella dalle 10.30 alle 18.00. Mentre per quel che riguarda i bimbi potranno prima fare un salto in Piazza Banchi dove per i più piccoli saranno a disposizione focaccia e gelato e poi belli rifocillati potranno partecipare ai laboratori creativi della Biblioteca De Amicis o se hanno voglia di muoversi il luogo ideale sarà Corso Italia dove si svolgeranno la Baby Maratona e la gara ciclistica Bimbimbici.

E per finire un’ultima bella notizia: l’amt mette a disposizione di tutti i viaggiatori un biglietto da 0,77 euro valido per tutta la giornata, e per la gioia di tutti il servizio verrà intensificato.

Buona domenica a tutti, e mi raccomando trattenetevi dal ballare la danza della pioggia.

Oggi al cinema

Educazione siberiana Di Gabriele Salvatores Drammatico Italia, 2011 Prima della divisione dell'URSS, al confine tra Moldavia e Ucraina, una comunità di "criminali onesti", deportati lì negli anni '30 da Stalin, vive rispettando un codice etico (divieto a qualsiasi tipo di droga e rispetto per gli anziani... Guarda la scheda del film