Concerti Magazine Lunedì 24 settembre 2012

Radiohead live a Bologna e Codroipo. Ai concerti anche un orso polare

Magazine - Dopo le date di Roma e Firenze, sale l'attesa per le ultime due tappe italiane dei Radiohead: all'arena parco Nord di Bologna, martedì 25 settembre, e a Villa Manin di Codroipo (Ud) mercoledì 26. Sul circuito di prevendite autorizzate, sono ancora disponibili i biglietti per i due concerti, mentre le successive date in Francia e nel Regno Unito sono sold out da tempo.

Rinviati nello scorso giugno a causa di un incidente nel tour del gruppo a Toronto che era costato la vita a un tecnico e causato la sospensione del tour mondiale, i concerti italiani sono stati accompagnati da una presenza curiosa tra il pubblico, un orso polare che si aggirava nel pomeriggio tra i capannelli di fan assiepati sul prato.
È l'orsa Paula, la perfetta riproduzione di un plantigrado dell'artico portata al seguito dei Radiohead da Greenpeace per sensibilizzare il pubblico e invitarlo a firmare una petizione per salvare l'Artico: in ogni tappa del tour, è infatti presente uno stand di Greenpeace che ha raccolto un milione e 700 mila firme sul sito www.savethearctic.org.
Quando Greenpeace raggiungerà i due milioni di firme, inserirà quei nomi in una capsula che verrà collocata nei fondali dell’Artico, a una profondità di 4 chilometri, e contrassegnerà il luogo con la “Bandiera per il Futuro” disegnata dai giovani di tutto il mondo.

Com'è noto, il cantante Thom Yorke è un grande sostenitore delle attività di Greenpeace e tra i primi firmatari della campagna, che ha l'obiettivo di bandire le trivellazioni offshore e la pesca distruttiva industriale attorno al Polo Nord, e creare un santuario globale.
Per la causa i Radiohead ci hanno messo le firme, lo spazio prima dei concerti e una delle loro canzoni più celebri, Everything in its right place, che è la colonna sonora del video della campagna.
Protagonista del clip è proprio l'orsa Paula che si incontra nei live della band, riproduzione che sembra talmente reale, date le dimensioni, che molti si sono domandati se non fosse stato preso in prestito da uno zoo. Nel video l'orso, vittima del cambiamento climatico, vaga per Londra alla disperata ricerca di una casa e di cibo. Al video ha partecipato anche Jude Law.

Thom Yorke è stato uno dei primi ad aderire: «Dobbiamo fermare i giganti petroliferi che vogliono insediarsi nell’Artico. Una fuoriuscita di petrolio devasterebbe questa regione la cui bellezza toglie il respiro e si sommerebbe al più grande problema che noi tutti dobbiamo affrontare, il cambiamento climatico. Ecco perché sostengo questa campagna. E ogni qualvolta volgerò lo sguardo verso nord, mi ricorderò che il mio nome è scritto nei fondali dell’oceano, in cima alla terra, come dichiarazione solenne di un impegno comune per salvare l’Artico».

Potrebbe interessarti anche: , Vincenzo Spera: «Serve un programma europeo della musica dal vivo» , Don Ciotti, Bollani e Renzo Piano, esempi per il futuro del Belpaese , Sanremo 2018: Leonardo Monteiro con Bianca. Testo e pagella , Festival di Sanremo 2018, i 20 Big in gara e le Nuove proposte , Umberto Tozzi, 40 anni che Ti Amo Live e il tour

Oggi al cinema

Il violinista del diavolo Di Bernard Rose Drammatico Italia, Germania, 2013 1830. Niccolò Paganini (David Garrett), virtuoso del violino e amante delle donne, si trova all’apice della carriera, acclamato in tutta Europa. Il suo nome è sinonimo di amori e scandali, e il suo manager Urbani (Jared Harris) sta... Guarda la scheda del film