Magazine Mercoledì 1 agosto 2012

Scomparso lo scrittore Gore Vidal, aveva ottantasei anni

Magazine - È morto a ottantasei anni lo scrittore statunitense Gore Vidal. Si è spento nella sua casa di Hollywood Hills martedì 31 luglio, nel pomeriggio, per complicazioni arrivate in seguito a una polmonite. Con lui se ne va una delle voci critiche della letteratura contemporanea: enfant terrible della letteratura americana del dopoguerra, appena ventenne scandalizzò i perbenisti con il suo romanzo La Statua di Sale. Tutto incentrato sulla passione e l'amore tra due ragazzi, senza cadere ne cliché dell'omossessuale effeminato e attingendo parzialmente alla sua biografia, Vidal riuscì a presentare il mondo gay all'opinione pubblica americana. Lo fece con scandalo e se ne parlò molto lungo, tanto che, passati 17 anni dalla prima pubblicazione, Vidal lo riprese da capo: era il 1965, una nuova epoca.

Vidal fu anche autore teatrale e televisivo apprezzato, lavorando per Brodway e Hollywood. Per gli Mgm scrisse, tra le altre, la sceneggiatura di Ben-Hur diretto da William Wyler. Ed è proprio per questa pellicola che lo scrittore arrivò in Italia, dove si fermò per oltre trent'anni prima a Roma, nell'are sacra di Torre Argentina, e poi sulla costiera amalfitana, nella celebre villa di Ravello. Era tornato a Los Angeles nel 2003, dopo la scomparsa del suo compagno di vita.

Nato nel 1935 all'Accademia Militare di West Point, crebbe tra le stanze del potere di Washington con il suo adorato nonno, il senatore dell'Oklahoma Gore, del quale anni dopo lo scrittore assunse il cognome come nome di battesimo. Da quell’infanzia particolare nacque la sua forte passione politica, diventando consigliere personale di John Fitzgerald Kennedy e criticando recentemente l'operato di George Bush. D'altronde, lui l'aveva detto «L'unica cosa che ho sempre voluto fare, è il presidente».

di Federica Ferraris

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

Grand Budapest hotel Di Wes Anderson Commedia, Drammatica Germania, U.S.A., 2014 Grand Budapest Hotel narra le avventure di Gustave H, leggendario concierge di un lussuoso e famoso albergo europeo e di Zero Moustafa, un fattorino che diviene il suo più fidato amico. Sullo sfondo, il furto e il recupero di un celebre dipinto... Guarda la scheda del film