Magazine Mercoledì 1 agosto 2012

Scomparso lo scrittore Gore Vidal, aveva ottantasei anni

Magazine - È morto a ottantasei anni lo scrittore statunitense Gore Vidal. Si è spento nella sua casa di Hollywood Hills martedì 31 luglio, nel pomeriggio, per complicazioni arrivate in seguito a una polmonite. Con lui se ne va una delle voci critiche della letteratura contemporanea: enfant terrible della letteratura americana del dopoguerra, appena ventenne scandalizzò i perbenisti con il suo romanzo La Statua di Sale. Tutto incentrato sulla passione e l'amore tra due ragazzi, senza cadere ne cliché dell'omossessuale effeminato e attingendo parzialmente alla sua biografia, Vidal riuscì a presentare il mondo gay all'opinione pubblica americana. Lo fece con scandalo e se ne parlò molto lungo, tanto che, passati 17 anni dalla prima pubblicazione, Vidal lo riprese da capo: era il 1965, una nuova epoca.

Vidal fu anche autore teatrale e televisivo apprezzato, lavorando per Brodway e Hollywood. Per gli Mgm scrisse, tra le altre, la sceneggiatura di Ben-Hur diretto da William Wyler. Ed è proprio per questa pellicola che lo scrittore arrivò in Italia, dove si fermò per oltre trent'anni prima a Roma, nell'are sacra di Torre Argentina, e poi sulla costiera amalfitana, nella celebre villa di Ravello. Era tornato a Los Angeles nel 2003, dopo la scomparsa del suo compagno di vita.

Nato nel 1935 all'Accademia Militare di West Point, crebbe tra le stanze del potere di Washington con il suo adorato nonno, il senatore dell'Oklahoma Gore, del quale anni dopo lo scrittore assunse il cognome come nome di battesimo. Da quell’infanzia particolare nacque la sua forte passione politica, diventando consigliere personale di John Fitzgerald Kennedy e criticando recentemente l'operato di George Bush. D'altronde, lui l'aveva detto «L'unica cosa che ho sempre voluto fare, è il presidente».

di Federica Ferraris

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Tre volti Di Jafar Panahi Drammatico Iran, 2018 Quando riceve il video di una giovane che implora il suo aiuto, la famosa attrice Behnaz Jafari abbandona il set e insieme Jafar Panahi si mette in viaggio per raggiungere la ragazza. Il film è stato premiato al Festival di Cannes. Guarda la scheda del film