Magazine Lunedì 20 novembre 2000

Invisible Monsters, Chuck Palahniuk

Magazine - “ Inoltre il mio idratante è una soluzione di materiali fetali sospesi in olio minerale idrogenato. Con questo voglio dire che la mia vita è incentrata su di me.”Non c’è pietà in Palahniuk. Non ce n’è mai stata. E’ con questa completa assenza di pietà che “Fight Club” ha stupito il mondo e consegnato alla gloria un nuovo scrittore. Peccato che il film sia meglio del libro. Ma non si può avere tutto, non al primo romanzo, almeno.Perché “Fight Club” è il romanzo d’esordio di questo americano dal nome impronunciabile, subito seguito da “survivor”, di un anno fa. Esce adesso in Italia “invisible monsters”, la sua ultima fatica . L’ho comprato con la famelica curiosità di chi ha fiutato un grande talento ed altro non spera se non di vederlo crescere. Perché Palahniuk è bravo, è veramente agghiacciante, estremo ma credibile. Ed è un estremismo raffinato, non perde tempo con spargimenti di sangue, assassini seriali e via discorrendo. Lui è più sottile, cerebrale e spietato. Palahniuk ce l’ha con il mondo. Almeno quello cui appartiene, l’America, il consumismo. E lo fa a pezzi, mette a nudo tutto il marcio, senza compassione, con vera, originale cattiveria.E poi scrive bene. Ti inchioda, è veloce ma sa dove rallentare, ha polso. E’ del tutto padrone della struttura narrativa. Tutto scorre nel più godibile dei modi.Purtroppo, nonostante tutte queste doti, “invisible monsters” è una delusione.Già dalla prima scena il racconto è già visto. Si parte dall’apoteosi finale, per abbagliare il lettore, e poi si scava nel passato. Stratagemma stranoto e identico in Fight Club. Ed è proprio questo il difetto del libro. A Fight Club non aggiunge niente, anzi qualcosa manca. IL fatto che questa volta la protagonista sia donna non camba le cose. In più, mano a mano che ci si avvicina alla fine, i segreti disvelati si fanno quasi ridicoli, le ultime pagine una farsa.C’è qualche perla qua e là, ma non vale l’acquisto. Si dice che “invisible monsters” sia una riscrittura del primo libro di Palahniuk, libro che per l’appunto non era riuscito a pubblicare. Questo spiegherebbe tutto.

di Fabrizio Casalino

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

Amici miei Di Mario Monicelli Commedia Italia, 1975 Quattro uomini di immatura mezza età, amici di vecchia data, ai quali si aggiungerà poi un illustre clinico, trascorrono le giornate di libertà architettando scherzi d'ogni sorta: canzonano i vigili urbani, prendono a schiaffi i viaggiatori... Guarda la scheda del film