Magazine Sabato 12 gennaio 2002

Netoscka Nesvanova

In Netoscka Nesvanova (Orsa Maggiore, Torriana, 1989), Fedor Dostoevskij scrive:

Non ho una memoria di mio padre. Egli morì quando io non avevo due anni. Mia madre si sposò di nuovo e questo matrimonio le procurò molti dispiaceri, sebbene fosse stato un matrimonio d’amore. Il mio patrigno era musicista, ed ebbe una vita singolare: egli è l’uomo più strano, più straordinario che io abbia mai conosciuto. Il ricordo di lui è rimasto scolpito nelle mie impressioni d’infanzia così fortemente che tutta la mia esistenza ne rimase influenzata.

Nicla Vassallo (ricercatrice di Filosofia all'Università di Genova ed esperta di filosofia angloamericana).

vedi anche:
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
e l'intervista
Leggi l'articolo .
di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Rosso Barocco, «l'arte può diventare una passione pericolosa»: l'ultimo noir dei fratelli Morini , Superman, a fumetti la storia dei suoi creatori: eroi del quotidiano con il dono di saper far sognare , Il segreto del mercante di zaffiri di Dinah Jefferies, una drammatica storia romantica , Maurizio De Giovanni, Il purgatorio dell’angelo: tempo di confessioni per il commissario Ricciardi , SenzOmbra di Michele Monteleone, un racconto per ragazzi che piace anche ai grandi

Oggi al cinema

La La Land Di Damien Chazelle Commedia, Drammatico, Musicale U.S.A., 2016 Mia è un’aspirante attrice che, tra un provino e l’altro, serve cappuccini alle star del cinema. Sebastian, è un musicista jazz che sbarca il lunario suonando nei piano bar. Dopo alcuni incontri casuali, fra Mia e Sebastian esplode... Guarda la scheda del film