Magazine Sabato 12 gennaio 2002

Netoscka Nesvanova

Magazine - In Netoscka Nesvanova (Orsa Maggiore, Torriana, 1989), Fedor Dostoevskij scrive:

Non ho una memoria di mio padre. Egli morì quando io non avevo due anni. Mia madre si sposò di nuovo e questo matrimonio le procurò molti dispiaceri, sebbene fosse stato un matrimonio d’amore. Il mio patrigno era musicista, ed ebbe una vita singolare: egli è l’uomo più strano, più straordinario che io abbia mai conosciuto. Il ricordo di lui è rimasto scolpito nelle mie impressioni d’infanzia così fortemente che tutta la mia esistenza ne rimase influenzata.

Nicla Vassallo (ricercatrice di Filosofia all'Università di Genova ed esperta di filosofia angloamericana).

vedi anche:
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
e l'intervista
Leggi l'articolo .

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani

Oggi al cinema

Senza lasciare traccia Di Gianclaudio Cappai Drammatico Italia, 2016 Ha cercato di dimenticare, ma del suo passato Bruno porta i segni sulla pelle e sotto pelle, nascosti tra le pieghe dell'anima e del corpo, come la malattia che lo consuma lentamente. Fino a quando Bruno non ha l'occasione di tornare nel luogo dove tutto... Guarda la scheda del film