Magazine Sabato 12 gennaio 2002

Netoscka Nesvanova

Magazine - In Netoscka Nesvanova (Orsa Maggiore, Torriana, 1989), Fedor Dostoevskij scrive:

Non ho una memoria di mio padre. Egli morì quando io non avevo due anni. Mia madre si sposò di nuovo e questo matrimonio le procurò molti dispiaceri, sebbene fosse stato un matrimonio d’amore. Il mio patrigno era musicista, ed ebbe una vita singolare: egli è l’uomo più strano, più straordinario che io abbia mai conosciuto. Il ricordo di lui è rimasto scolpito nelle mie impressioni d’infanzia così fortemente che tutta la mia esistenza ne rimase influenzata.

Nicla Vassallo (ricercatrice di Filosofia all'Università di Genova ed esperta di filosofia angloamericana).

vedi anche:
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
e l'intervista
Leggi l'articolo .

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , La maledizione della peste nera: l'epidemia ritorna a Genova. Il nuovo thriller di Daniel Kella , La regola del lupo: un omicidio sul Lago di Como. L'ultimo libro di Franco Vanni , Il gusto di uccidere, la Svezia di Hanna Lindberg. L'intervista , Il gioco del suggeritore di Donato Carrisi: intrigante favola nera in bilico tra reale e virtuale , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione