Magazine Sabato 12 gennaio 2002

Netoscka Nesvanova

In Netoscka Nesvanova (Orsa Maggiore, Torriana, 1989), Fedor Dostoevskij scrive:

Non ho una memoria di mio padre. Egli morì quando io non avevo due anni. Mia madre si sposò di nuovo e questo matrimonio le procurò molti dispiaceri, sebbene fosse stato un matrimonio d’amore. Il mio patrigno era musicista, ed ebbe una vita singolare: egli è l’uomo più strano, più straordinario che io abbia mai conosciuto. Il ricordo di lui è rimasto scolpito nelle mie impressioni d’infanzia così fortemente che tutta la mia esistenza ne rimase influenzata.

Nicla Vassallo (ricercatrice di Filosofia all'Università di Genova ed esperta di filosofia angloamericana).

vedi anche:
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo ,
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
Leggi l'articolo
e l'intervista
Leggi l'articolo .
di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin , MiniVip&SuperVip. Il Mistero del Viavai di Bozzetto: il cinema si fa fumetto , Il segreto del faraone nero, una nuova stoccata letteraria di Marco Buticchi , Auguri Andrea Camilleri! Lo scrittore compie 93 anni, la recensione del Metodo Catalanotti

Oggi al cinema

Piccoli brividi Di Rob Letterman Commedia, Avventura, Thriller U.S.A., Australia, 2015 Zach Cooper (Dylan Minnette) è un adolescente sconvolto per il trasferimento da una grande ad una piccola città. La sua vicina di casa è una bella ragazza, Hannah (Odeya Rush), che vive con un padre misterioso che si rivela essere... Guarda la scheda del film