Magazine Sabato 12 gennaio 2002

Un dubbio atroce...

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Carissima Antonella,
ho bisogno del consiglio tuo e dei lettori di ML. Convivo felicemente con la mia compagna da un anno (ma siamo fidanzati ormai da 9) e la nostra intesa sessuale è perfetta! Mi tenta però moltissimo l'idea di coinvolgere una comune amica in un incontro amoroso a tre. Premetto che ambedue conosciamo molto bene questa amica, coetanea, e che personalmente io la stimo moltissimo, pur sapendo che per incompatibilità di vedute non oserei mai allacciare una relazione duratura e sentimentale con lei. Mi piace solo fisicamente e sono sicuro che non potrei mai abbandonare la mia compagna per questa persona, che pure stimo molto, ma che non amo. Vorrei solo che fra noi tre nascesse un'amicizia se vogliamo erotica e un po' complice. Ho accennato un po' per scherzo, ma anche per innata sincerità, questo desiderio alla mia compagna. Paradossalmente lei non si è dimostrata gelosa; l'unica cosa che non sopporterebbe - mi ha detto - è che io smettessi di amarla (mai avvenuto in tutti questi anni); ha detto anche che - trattandosi di un interesse solo fisico, per giunta con una persona affidabile - la cosa non la turba gran che. Ha persino accennato all'idea di chiederlo a questa amica. E' a questo punto che mi sono spaventato e tirato indietro, perché ho temuto che questa comune amica si "spaventi" e smetta di frequentarci. Non voglio infatti rovinare un'amicizia che mi piace. Senza dubbio, se ricevessi un rifiuto da questa conoscente non me ne farei un problema. Tornerei a considerarla una buona amica e nulla più. Fra le due cose preferisco sacrificare le mie fantasie. Amo infatti la mia compagna. Premetto che non l'ho mai tradita, pur avendone avuto la possibilità, anche perché non mi interessa corteggiare altre donne. Come potrei fare? Sono combattuto fra lasciar perdere o insistere. E' il caso che passi la palla alla mia compagna, o che affronti io la questione (visto che è un desiderio sostanzialmente mio). Un dubbioso... felicemente convivente.

Insomma, Dubbioso, lei vuole l’avventura senza il rischio. Impossibile in questo contesto. Tradire non tradendo e con la benedizione della fidanzata. Mi sembra poco realistico. E trovo alquanto ipocrita la “benedizione” camuffata da complicità. Se vuole provare senza mettere in pericolo la sua coppia, lo faccia da solo, si affidi a incontri occasionali. Dicono che fare l’amore con due donne sia da sempre il sogno di tutti i giovani, chi lo ha realizzato ricorda quasi soltanto la fatica e l’ansia da prestazione.


Problemi? Clicca sulla

Magazine - .
Non avete bisogno di registrarvi, potete scrivere e –se non vi fidate- firmare con uno pseudonimo. Altrimenti potete firmare e aggiungere lo pseudonimo con il quale desiderate essere pubblicati.

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

To Rome With Love Di Woody Allen Commedia U.S.A., Italia, Spagna, 2012 To Rome with Love è una commedia spensierata, un film caleidoscopico ambientato in una delle città più affascinanti al mondo. Il film ci mette in contatto con un architetto americano molto noto che rivive la sua gioventù, un... Guarda la scheda del film