Magazine Lunedì 7 gennaio 2002

Ultima fermata a Brooklyn

Magazine - Non so se Hubert Selby senior fosse il nonno o il padre di Hubert Selby junior. Comunque è probabile non fosse particolarmente orgoglioso del figlio. Perché nell’America degli anni ’60 un libro come Ultima fermata a Brooklyn era un libro scomodo, duro, estremamente cattivo. Questo nonostante i beat avessero già da tempo fatto perdere la verginità agli USA e la presunta innocenza americana fosse da tempo un ricordo.

C’è chi sostiene che per la letteratura nordamericana Ultima fermata Brooklyn rappresenti per il ‘900 quello che Moby Dick è stato per l’800. Una pietra miliare, il capolavoro assoluto. Ma i paragoni eccellenti non finiscono qui: Nick Toshes, nel suo saggio Blue eyes and exit wounds afferma che la scrittura di Selby richiama Omero, Saffo, Esiodo, fino a scomodare Dante. E di Dante questo romanzo ha effettivamente i colori cupi e la violenza cruda, senza sfumature. I personaggi sono disegnati in maniera implacabile, con realismo e senza pietà. Sono grotteschi, loschi, lugubri. Non attirano simpatie, ci tengono a distanza, ci infastidiscono, perché non sono le persone che ci piacerebbe conoscere e frequentare e sono troppo veri per non esserne urtati.

Si tratta di un libro uscito per la prima volta nel 1964, ma ha la statura del classico, e come tale non risente degli anni. Per certi versi è più attuale di certa letteratura che ci viene spacciata per innovativa. Selby inventa, mischia le parole, crea dal nulla un gergo che non esiste, probabilmente non è mai esistito, neppure sulle strade newyorkesi. E appunto per questo è così affascinante e fuori dal tempo.

Leggetelo, ne vale la pena. E se per caso siete di quelli che amano scrivere, tenete a mente che Alessandro Baricco sostiene che Selby è uno di quegli autori che vi cambia la vita e il modo di scrivere. In meglio, si intende.

di Donald Datti

Potrebbe interessarti anche: , Il Natale del commissario Maugeri, l'ultimo libro di Fulvio Capezzuoli. La recensione , Bonelli: Dylan Dog e Martin Mystere nell'Abisso del male , A mali estremi: nuovo caso per la colf e l'ispettore di Valeria Corciolani , Peccato mortale di Carlo Lucarelli: un altro intrigo da risolvere per il commissario De Luca , Le Quattro donne di Istanbul: un romanzo suggestivo e commovente di Aişe Kulin

Oggi al cinema

L'uomo che rubò Banksy Di Marco Proserpio Documentario 2018 È il 2007. Banksy e la sua squadra si introducono nei territori occupati e firmano a modo loro case e muri di cinta. I palestinesi però non gradiscono. Il murales del soldato israeliano che chiede i documenti all'asino li manda su tutte... Guarda la scheda del film