Magazine Domenica 30 dicembre 2001

Gli uomini sono tutti uguali

Se vuoi contattare Antonella Viale scrivi una email a lapostadelcuore@mentelocale.it

Magazine - Sono una donnina sbarazzina. Ho 23 anni. Prendo la vita con filosofia. Vivo con passione l'università. Ho dato tutta me stessa ad un ligure che ho imparato a conoscere giorno dopo giorno. Io non sono genovese. I miei avi erano di La Spezia, ma abito in veneto sin dalla nascita. L'ho conosciuto tramite la tecnologia del millennio. All'inizio non pensavo né credevo in tutto ciò! alla fine giorno dopo giorno, grazie a chiamate, squillini… ci siamo visti! non ho mai creduto al colpo di fulmine, cmq me ne sono innamorata, ho trascorso da lui un periodo idilliaco, tutto è stato perfetto sino alla partenza. Dal finestrino del treno che partiva ho letto nei suoi occhi che non sarebbe più stato come prima. Anche se dopo infiniti alti e bassi è venuto da me… la cosa non era più perfetta. Eppure l'ho amato. Forse troppo!!! forse ho creduto troppo in certe illusioni che lui mi aveva creato dentro.
I sentimenti appannano ed offuscano la realtà, ora tutto è difficile. Anzi direi che nulla è rimasto dopo i mille presupposti che ci eravamo prefissati. Lo sento lontano mille miglia da me… evidentemente ha chiuso il suo cuore. QUESTA VUOLE ESSERE UNA SEMPLICE TESTIMONIANZA... di una semplice donna che ha saputo amare... incondizionatamente, senza alcun limite un uomo più anziano, più lontano, ma concretamente raggiungibile. Cmq nella vita tutto serve per crescere... ora come ora non saprei cosa fare. Lascio scorrere l'acqua al mulino... Cmq i liguri sono veramente complicati… Oppure gli uomini creano delle paranoie per non affrontare la realtà. Ma poi da chi scappano!!!
HO CONSTATATO CHE GLI ETERNI BAMBINI ESISTONO SEMPRE! Alla fine almeno ho conosciuto benissimo Genova... e ci ritornerò...
ciao Emanuela

Cara Emanuela che non chiede consigli e ha scelto il titolo, devo pur guadagnarmelo il pane! quindi devo fare il mio lavoro. Lasciamo stare i liguri, per il momento (ma alla terza lettera sul tema…) e affrontiamo la questione in senso generale e molto ampio, dato che il suo post fornisce ben pochi elementi. Gli uomini scappano da una quantità di cose, troppo lunghe da elencare rimanendo nel campo delle ipotesi, ma –come dimostra la sua testimonianza- sono perfettamente in grado di tornare. Ho ascoltato troppe donne miagolare con una sfumatura di fierezza: “Mi ha detto che gli faccio paura!”. Lei, come molte altre, dimostra che la paura si vince… quando non è una comoda via di fuga, un luogo comune contemporaneo per “salvare la faccia” della donna e lasciarla non troppo scontenta. L’importante, se scappano, è non rincorrerli mai. Recuperato il buon senso (e il buon umore) si scoprirà sempre di averla scampata bella.
Quanto a lei, Emanuela, ecco l’unico elemento di riflessione che mi sembra opportuno proporre: ancora oggi moltissime donne, anche giovani, hanno la tendenza a caricare l’altro delle proprie aspettative. Non importa se questi sia all’altezza oppure no, né se le aspettative siano realistiche, ciò che importa è che comunque e sicuramente le rendono meno indipendenti. Mentre soltanto l’indipendenza offre l’ampiezza di vedute e la libertà necessarie per scegliere consapevolmente e eventualmente abbandonare senza rimpianti.

Problemi? Clicca sulla

.

Non avete bisogno di registrarvi, potete scrivere e –se non vi fidate- firmare con uno pseudonimo. Altrimenti potete firmare e aggiungere lo pseudonimo con il quale desiderate essere pubblicati. Felice 2002 a tutti!

di Antonella Viale

Potrebbe interessarti anche: , Perché lui non vuole una storia a distanza? , «Mia madre ci ha sorpreso nudi. E adesso?» , «Aiuto! Subisco violenza dal mio convivente» , Io e il mio amico siamo finiti a letto. Ma ora lui è scomparso , Sono innamorata del mio migliore amico. Che faccio?

Oggi al cinema

Pupazzi senza gloria Di Brian Henson Azione, Commedia, Crimine U.S.A., 2018 Guarda la scheda del film